Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

u-33 vb 46 8 la-galite-2009 Astroides calycularis

Rassegna Stampa & Meteo (192). La settimana da lunedì 15 luglio 2019

a cura della Redazione . Venerdì 19 luglio RASSEGNA STAMPA ON LINE Da famigliacristiana.it del 18 luglio: Don Salvatore Maiorana. Io, parroco tenace dell'isola di Ponza In estate l'arcipelago pontino è meta ambita dai turisti, ma nel resto dell'anno l'isolamento e la mancanza di servizi sono un problema. Tuttavia il prete non abbandona la sua comunità. Da h24notizie.com del 18 ...

Leggi...

La posta dei lettori. Informazioni sul faro della Guardia

di Enzo Di Fazio  . Quando nacque il sito (ormai usiamo i verbi al passato) arrivarono, nei primi mesi di vita, tantissimi messaggi di incoraggiamento e di congratulazione. Erano di persone che, nella maggior parte, sono, poi,  diventate nostri collaboratori, di ponzesi che vivevano e vivono lontano da Ponza e di comuni ...

Leggi...

Il Gattopardo, la Sicilia e l'Italia di ieri e di oggi

di Stefano Testa   Riceviamo da Stefano Testa, scrittore, avvocato e giornalista - conosciuto attraverso la sua attività in Latina Oggi - , uno scritto sul Il Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, pubblicato dalla testata Ciociaria Oggi in occasione della recente assegnazione del premio Strega. Lo scritto è in file .pdf in ...

Leggi...

Le poesie dialettali. Ce sta Napule ’n cucina

di Paolo Mennuni  . Parole conosciute, assonanze e sapori evocati da una matrice culturale comune, nella “puisia” di Paolo    ’O zuffritto Si t’asiette pe’ magna’ quanta cose vuo’ pruva’? Si quaccosa vaje truvanno nun te fa’ piglia’ n’affanno: ’nce sta Napule ’n cucina, ch’è ’na cosa sopraffina! Chi se magna ’o baccalà, chi se piglia ’nu babbà! chi ’e spaghette co’ ’u ...

Leggi...

Ursus: due storie parallele

di Letizia Piredda . Due motivi per proporre sul sito questo racconto di Letizia da un suo recente viaggio a Trieste (da www.odeon.home.blog) Parla di un porto (o di una struttura portuale) e di un film che fu il primo e l’antesignano del genere “peplum” [dal più semplice e classico abito delle ...

Leggi...

La Posta dei Lettori. Una strana richiesta

a cura della Redazione .  Riceviamo questo messaggio da Annarita N. sulla posta del sito: “Buona sera ho letto l'articolo Tornano i gigli di Santa Candida (<-- leggi qui - NdR) di Sandro Russo. Vorrei mettermi in contatto con lui e acquistare Haemanthus coccineus”. Risponde l’autore dell’articolo. Ho sempre sostenuto che il sito – Ponzaracconta ...

Leggi...

'I 'sti tiempe

di Francesco De Luca   'I 'sti tiempe   'Stu tiempo fa 'u pazzo: mo  'a calmaria fa frjie ll'ove a 'u sole e mo 'u levante ogne matina scassa 'u cazzo. Cca  'a staggiona dura poche mise e si nun faticammo a schiatta' 'stu vierno rimmanimmo comme piennule appise. Mittece pure ch’ a semmana se riduce a tre gghiuorne… cca 'u turismo è ...

Leggi...

I custodi della duna

riceviamo in redazione dall’Ufficio Stampa del Parco Nazionale del Circeo e volentieri pubblichiamo . "I custodi della duna", l’iniziativa compie un anno L'Istituto G. Cesare protagonista sulle dune del Parco del Circeo Si è concluso il primo anno di lavoro del progetto di educazione ambientale Coinvolte tre classi dell'istituto comprensivo “G. Cesare” di Sabaudia Ottimi risultati ...

Leggi...

A malapena si vede, Ponza (1)

A malapena si vede, Ponza

di Gabriella Nardacci

Davanti al bar, dopo la partita a carte e la birra, nel salutare gli amici, mio zio diceva: – Dimane vaglio a Ponza e me tenghe da arizzà lest’…Ci vedimo addomani sera doppo cena… Poi, nel raccontare il suo lavoro di guardia provinciale, parlava di . . . →: A malapena si vede, Ponza (1)

Pasche ‘i fiure

di Assunta Scarpati

A Ponza un tempo, l’Epifania era detta “Pasche ‘i fiure” …

Da mia nonna ho appreso la versione popolare del perchè venisse definita cosi. Quando i Re Magi arrivarono alla capanna di Gesù Bambino portando oro, incenso e mirra, tutti gli uomini semplici e di buona volontà si adoperarono a portare qualcosa… Erano poveri ma non . . . →: Pasche ‘i fiure

Il maestro d’ascia

di Francesca Iacono . Un antico mestiere….il maestro d’ascia In un’isola come Ponza non poteva mancare la figura del maestro d’ascia, il costruttore di barche. Non è un lavoro semplice, richiede precisione, abilità, ma soprattutto amore….. L’imbarcazione nasce prima nella testa del maestro d’ascia, poi si passa alla parte pratica. Tutto ciò la rende . . . →: Il maestro d’ascia

Lettera di Silverio Scotti

Ciao!!!

–         vi volevo chiedere se potete inserire tra gli eventi la Jepson Cup, di cui allego il bando di gara.

–        Con l’occasione vi chiedo se potete inserire questa frase che è per la marineria ponzese il suo stemma: (possibilmente citandola!)

Così diceva J. Cousteau a proposito di Ponza:

Ponza è seconda isola . . . →: Lettera di Silverio Scotti

Le Donne Ponzesi nel “ventennio”

di   Gennaro  Di Fazio

Tra tanti, vissuti a Ponza nel periodo del confino politico, è doveroso effettuare una rievocazione particolare  ad alcune donne ponzesi che si sono contraddistinte per i loro valori profondi, le loro azioni coraggiose  e i loro grandi amori per i confinati.

Le storie che racconteremo sono state attinte principalmente  dai . . . →: Le Donne Ponzesi nel “ventennio”

Per chi suona… l’organo delle Forna

Per chi come me ha vissuto l’infanzia a Le Forna, la Chiesa dedicata alla Santissima Madonna Assunta rivela un fascino struggente. Un tempio ampio, a tre navate, in cui officiava don Gennaro Sandolo, il prete ideale per la nostra piccola comunità di allora. I suoi “eccoci, eccoci!”, con cui si annunciava, lo sguardo burbero . . . →: Per chi suona… l’organo delle Forna

La terza elementare del 1937

La terza elementare del 1937

di Rita Bosso

 

1. Maria Di Fazio  2. Iole Conte  3. Edda Esposito  4. Luisa Regine  5. Peppina D’Atri  6. Assunta Di Meglio  7. Giustino Mazzella  8. Elio Garau  9. Benito D’Atri  10. Don Salvatore Tagliamonte

 

I quarantaquattro alunni della terza elementare del 1937 . . . →: La terza elementare del 1937