Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

l-04 pdp lamonica-02 ss15 99 corrida5

“Le avventure di Pinocchio” in dialetto ponziano (12)

di Ernesto Prudente

Capitolo  31°

Dopo cinque mesi di cuccagna Pinocchio, con gran sua meraviglia, sente spuntarsi un bel paio di orecchie asinine e diventa un ciuchino con coda e altro.

U carre arrevàje senze fà remmore pecché teneve i rròte arraugliàte cu i pèzze e c’a stoppe. U teràvene dùdece . . . →: “Le avventure di Pinocchio” in dialetto ponziano (12)

“Le avventure di Pinocchio” in dialetto ponziano (11)

di Ernesto Prudente

Capitolo  29°

Pinocchio ritorna a casa dalla Fata, la quale gli promette che il giorno dopo non sarà più un bur­rattino ma diventerà un ragazzo. Gran colazione di latte e caffè per festeggiare questo grande avve­nimento.

Mèntre u pescatore stéve pronte p’u menà dint’a tièlle, trasètte . . . →: “Le avventure di Pinocchio” in dialetto ponziano (11)

U’ Uallarùse

L’immagine rappresenta “Balanzone”, una maschera della Commedia dell’arte con la quale i Bolognesi si burlavano di personaggi vanitosi, superficiali e di poco ingegno.

di Isidoro Feola

E’ un mestiere – hobby – modo di essere tipicamente ponzese. Non ha equivalenti in italiano trattandosi di una via di mezzo tra esperto, saccente, invidioso, iettatore .

. . . →: U’ Uallarùse

Per la festa della mamma

di Lino Catello Pagano

 

Un Pensiero

Mamma santa mamma bella

tu ca me facive i’ pupatell’ c’u’ miel e zuccher’

pe me fa’ scurda’ ‘a zezzella. Mamma santa mamma bella

…so’ fernute i’ pupatelle

Auguri mamme!

8 Maggio, Festa della Mamma

Una poesia di Eduardo De Filippo proposta dalla Redazione di ponzaracconta

Mamma mia

Mamma mia, te tengo attuorno d’ ‘a matina nfin’ a sera; vierno pare Primmavera mò ca staje sempre cu me.

Si fa viento tu me parle, mmiez’ ‘o mare sento: “Figlio!”. Si me serve nu cunziglio, dint’ ‘o scuro viene tu.

. . . →: 8 Maggio, Festa della Mamma

“Le avventure di Pinocchio” in dialetto ponziano (10)

di Ernesto Prudente Capitolo  26°

Pinocchio va con i suoi compagni di scuola in riva al mare per vedere il terribile pescecane

U juorne dòppe, Pinocchio jètte a scòle cumu­nale. Figuràteve che succedètte quanne, tutte chille figle i bbòne mamme, vedèttere i trasì int’a scòle nu mamuocce.

Venètte a fine d’i munne: chi . . . →: “Le avventure di Pinocchio” in dialetto ponziano (10)

Amedeo Guarino racconta…

riportato da Franco De Luca

Era il tempo (non molto lontano) in cui il popolo maldicente non lesinava battute salaci sui costumi, non del tutto morigerati, dei frati. I quali erano molto più a contatto con la vita dei cristiani perché spesso lasciavano i monasteri per mescolarsi fra la gente, chiedendo l’elemosina, aiutando . . . →: Amedeo Guarino racconta…