Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a4-r s-01 v3-13a 107 77 06

‘U breccauto

by Sang’ ’i Retunne

 

Giggino – Ie me n’aggie sule i’, ’a cca! Nun ce sta niente ’a fa! Sinnò m’accumprumetto. Sang’ ’i Retunne – Mado’ Giggi’… e a staggione stai sempre ’ntussecate? Fai un’arte! E che diavule! Mai ’nu poco ’i serenità! Che t’è venute ’sta volta?

Gg – Nun songh’ie, . . . →: ‘U breccauto

…E pace fu!

by Sang’ ’i Retunne

 

Giggino – Nooo! E nun ce sta cchiù sfizzio! È tutt’ fernute! Ccà ’a ’uallera sta scennenne abbasce’i piedi. Sang’ ’i Retunne – Come mai? Ti stai annoiando?

Gg – Azz! no? Calma piatta. Nun po’ esse… è ’na vera schifezza. Accussì nun va! No, no..! SR – . . . →: …E pace fu!

L’incidente più grave

di Francesco De Luca

.

“Ma com’è che ti chiamano Gennaro?”. “Io mi chiamo Antonio Vitiello ma sono conosciuto come Gennaro perché sono nato nel giorno di san Gennaro”.

Vittoriano lì vicino interviene: “Chiste è tutta na stranezza!”. Gennaro lo guarda rassegnato. Evidentemente non è nuovo a questi giudizi su di . . . →: L’incidente più grave

Nelle sere d’agosto

di Francesco De Luca

 

Luna da ‘u cielo scinne ind’ u mare aiuta ‘i piscature falle da lampare La cantilena l’iniziava zia Veruccella. Si sistemava sulla sedia e noi intorno sui gradini della scalinata. L’immagine della Madonna ci faceva compagnia dalla cappellina in alto, sul muro. A zia Veruccella piaceva radunarci come . . . →: Nelle sere d’agosto

Compravendita

by Sang’ ’i Retunne

 

Giggino – Sentito, leio avrebbo abbisogno di un bell’appartamentino vista maro? Sang’ ’i Retunne – Giggi’, ma che te si’ ammattute? Adesso mi dai del ‘lei’?

Gg – Uggesu’! …e chi t’aveva accanisciuto? SR – E come mai? Io sono rimasto uguale! Mica sono cambiato?

Gg – Sì . . . →: Compravendita

La grande fatica

by Sang’ ’i Retunne

 

Giggino – No, no, nooo!! Nunn’è proprete cosa! Comme se fa, comme se fa? Sang’ ’i Retunne  –  Che cosa?

Gg – Dimme tutte chelle che vuo’, ma ’a staggione è ’na disgrazzia! Uhu! …e che disgrazzia! SR – Addirittura una disgrazia. Ma se l’aspettavi tanto!?

Gg – E’ vero, . . . →: La grande fatica

La poltrona del dialetto (24). ’Na poesia pe’ cumpagnia

di Francesco De Luca

 

E’ una compagnia insolita, quella che propongo. Non di stagione, perché non risponde a criteri climatici. Non è appariscente, nemmeno protettiva e nemmeno consolatoria. Dialoga soltanto con te. Quando ne senti la necessità.

’Na poesia pe’ cumpagnia

     Puorteme cu te, stongo a . . . →: La poltrona del dialetto (24). ’Na poesia pe’ cumpagnia