Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a1-12a h-13 l-05_0 u-14 36 84

Una canzone per la domenica (42). Melodia della luna piena

di Francesco De Luca

.

Ah… la luna! Quanta poesia e quanta musica ha generato la visione della luna. Se è piena poi… ancor di più. Perché? Ogni poesia inerente è ispirata ad un sentimento divenuto insopprimibile. Ogni brano musicale, allo stesso modo, scaturisce da un senso profondo dell’animo.

Cosa combina . . . →: Una canzone per la domenica (42). Melodia della luna piena

L’aità c’è, ’a malatìa pure, ma… i’ voglio campa’ cient’anne

di Paolo Mennuni

 .

Ll’aità!

Quant’anne tengo? …Nun l’aggio cuntate! Pecché so’ assaje …e so’ sempe aumentate!

Si ’e voglio cunta’ me pozzo sbaglia’ E, allora, nun cunto, e …nun saccio ll’aità!

Si campo, so’ pochi, si moro ….. so’ assaje! . . . →: L’aità c’è, ’a malatìa pure, ma… i’ voglio campa’ cient’anne

Dint’ ’o spitale (ovvero: Ricoverato con urgenza)

di Paolo Mennuni

.

Dint’ ’o spitale (ovvero: Ricoverato con urgenza)

’O tiempo passa, è comm’ a ’na parola, quann’ i’ era piccerillo i’ jev’ a’ scola, mo’ ca so’ vicchiariello – è un po’ banale – frequento assaje chiù spisso… lo spitale! ’O fatto nun è . . . →: Dint’ ’o spitale (ovvero: Ricoverato con urgenza)

‘A vicchiàia, ‘a Signora e ‘o campusanto. In dialetto e con poesia

di Paolo Mennuni

.

Quasi unite da un filo, queste altre tre poesie di Paolo S.R.

 

’A vicchiaja

Dice ch’a vicchiaja è ’na malatia, ma nun è overo, è sulo `na bbucìa! Si fuss’ overamente malatia, dopp’ a ’nu mese, n’anno… passarria! Si fusse overamente . . . →: ‘A vicchiàia, ‘a Signora e ‘o campusanto. In dialetto e con poesia

1° maggio 2019

di Francesco De Luca

.

1°  maggio  2019

Che è tutto ’stu  scumpiglio stammatina int’a ’st’aria frizzantina ? ’Nce sta viento … e  nemmeno è voce ’i ggente … ’stu parapiglia ’ncielo … ’u fanno i quaraquaglie … Azzurre, verde, gialle sfrecciano comme pazze ’ncopp’ ’u ciglio, ammiezz’ . . . →: 1° maggio 2019

’A rosa, ’o ’mbrello, ’e vvarche

Tre poesie in dialetto napoletano di Paolo Mennuni

 

.

Sic transit

Quann’è primmavera schiuppeno ’e rrose n’aggio cuoveta una annascosa, cu’ cura e manera l’aggio tagliata e dint’ a ’sta casa ll’aggio purtata.

Po’ l’aggio misa dint’ a ’na giarra tiseca comm’ a . . . →: ’A rosa, ’o ’mbrello, ’e vvarche

Il poeta e le alici

di Paolo Mennuni

.

Due argomenti troppo distanti tra loro? Non nelle poesie in dialetto napoletano di Paolo! S. R.

’O pueta

Te piace ’e fa’ ’o pueta e scrivere… accussì, ma, si nisciuno legge, neh, che pueta si’? ’A parulella acconcia tu cirche pe’ fa’ . . . →: Il poeta e le alici