Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0045-045 2009-07-22_19-28-47 k1-18a k2-16 36 68

L’aità c’è, ’a malatìa pure, ma… i’ voglio campa’ cient’anne

di Paolo Mennuni

 .

Ll’aità!

Quant’anne tengo? …Nun l’aggio cuntate! Pecché so’ assaje …e so’ sempe aumentate!

Si ’e voglio cunta’ me pozzo sbaglia’ E, allora, nun cunto, e …nun saccio ll’aità!

Si campo, so’ pochi, si moro ….. so’ assaje! . . . →: L’aità c’è, ’a malatìa pure, ma… i’ voglio campa’ cient’anne

Dint’ ’o spitale (ovvero: Ricoverato con urgenza)

di Paolo Mennuni

.

Dint’ ’o spitale (ovvero: Ricoverato con urgenza)

’O tiempo passa, è comm’ a ’na parola, quann’ i’ era piccerillo i’ jev’ a’ scola, mo’ ca so’ vicchiariello – è un po’ banale – frequento assaje chiù spisso… lo spitale! ’O fatto nun è . . . →: Dint’ ’o spitale (ovvero: Ricoverato con urgenza)

‘A vicchiàia, ‘a Signora e ‘o campusanto. In dialetto e con poesia

di Paolo Mennuni

.

Quasi unite da un filo, queste altre tre poesie di Paolo S.R.

 

’A vicchiaja

Dice ch’a vicchiaja è ’na malatia, ma nun è overo, è sulo `na bbucìa! Si fuss’ overamente malatia, dopp’ a ’nu mese, n’anno… passarria! Si fusse overamente . . . →: ‘A vicchiàia, ‘a Signora e ‘o campusanto. In dialetto e con poesia

’A rosa, ’o ’mbrello, ’e vvarche

Tre poesie in dialetto napoletano di Paolo Mennuni

 

.

Sic transit

Quann’è primmavera schiuppeno ’e rrose n’aggio cuoveta una annascosa, cu’ cura e manera l’aggio tagliata e dint’ a ’sta casa ll’aggio purtata.

Po’ l’aggio misa dint’ a ’na giarra tiseca comm’ a . . . →: ’A rosa, ’o ’mbrello, ’e vvarche

Storia e tradizione della pastiera napoletana

inviato da Paolo Mennuni

.

Certo l’avremo letta da qualche parte, ma qui Paolo ci propone la sua versione da napoletano verace. S. R.

La storia della pastiera La decorazione a grata sulla pastiera in numero di sette strisce (quattro in  un senso e tre nel senso trasversale), a croce greca formano . . . →: Storia e tradizione della pastiera napoletana

Il poeta e le alici

di Paolo Mennuni

.

Due argomenti troppo distanti tra loro? Non nelle poesie in dialetto napoletano di Paolo! S. R.

’O pueta

Te piace ’e fa’ ’o pueta e scrivere… accussì, ma, si nisciuno legge, neh, che pueta si’? ’A parulella acconcia tu cirche pe’ fa’ . . . →: Il poeta e le alici

Altre “puisie”: ‘e capille e ‘o panariello

di Paolo Mennuni

 .

Per la poesia precedente di questa serie, leggi qui

’E capille

Muglierema me dice: “Tagliate ’sti capille! Si ti ttaglie si’ chiù scicco, alliccato e accunciulillo! ’Mmece accusì arrunzune e tutto scapillato pare ’nu derelitto, afflitto e scunzulato! Si t’accuonce e . . . →: Altre “puisie”: ‘e capille e ‘o panariello