Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

g p-18 g-02 cortese ernesto-23-05-08 corrida16

Patelle reali

di Silverio Guarino

 

Quando, con maschera e pinne, ci si avventura tra gli scogli per osservare quel mondo meraviglioso che si trova sott’acqua, ci si può spesso imbattere in gusci vuoti di patelle che a Ponza vengono chiamate “reali” (Haliotis tubercolata lamellosa), altrove chiamate anche: orecchio di S. Pietro o orecchio di . . . →: Patelle reali

Il fucile della “Standa”

di Silverio Guarino

 

A me quell’arco e quelle frecce non bastavano più. Per la pesca subacquea era ormai l’ora di avere un fucile a molle; avevo 14 anni ed era veramente ridicolo continuare a distruggere ombrelli e a tormentare Maurino per tutta l’estate (leggi qui)

Solo che mia madre (la maestra Olga) . . . →: Il fucile della “Standa”

Quell’aereo per Porto Said…

di Silverio Guarino

 

Fino a qualche anno fa, per devozione, ogni estate, in notte rigorosamente senza luna, ho rispettato l’appuntamento estivo con Isidoro Feola (il dottore) per andare a pesca di totani. L’occasione che riporto in questo mio ricordo si riferisce a dieci anni fa circa, quando il tutto avvenne anche in . . . →: Quell’aereo per Porto Said…

Maurino Di Lorenzo: gli archi e le frecce

di Silverio Guarino

 

Era d’estate e volevamo andare a caccia subacquea.

Di fucili a molla o ad aria compressa (…di là da venire) non se ne parlava proprio e allora i giovanissimi rampanti pescatori subacquei (età 8-10 anni) s’industriavano ad utilizzare sott’acqua gli archi e le frecce.

Per avere gli archi, non . . . →: Maurino Di Lorenzo: gli archi e le frecce

Jacques Brel. (3). “Ce soir j’attends Madeleine”

di Silverio Guarino

 

Diavolo di un Sandro Russo, che riesce a farti ricordare le cose più belle ed indimenticabili della tua gioventù. Ma perché, proprio noi che abbiamo vissuto a Ponza le nostre verdi estati abbiamo questo amore “viscerale” per Jacques Brel?

Intanto, la nostra generazione, sceglieva, come lingua straniera, solo ed . . . →: Jacques Brel. (3). “Ce soir j’attends Madeleine”

“Qui nacque il grande…”

di Silverio Guarino

 

Quell’estate Giorgio, mio figlio, aveva tre anni. Andando a fare il bagno alla “Parata”, stavamo passando davanti alla casa dove oggi dimora, al primo piano, la famiglia Iacono; quel palazzo a due piani, imponente e maestoso, che si vede bene entrando nel porto di Ponza.

Lì io nascevo alle 11.45 . . . →: “Qui nacque il grande…”

Silverio Zecca in “Sesto Continente”, di Folco Quilici

a cura della Redazione

 

Ha scritto Silverio Guarino a commento dell’articolo su Folco Quilici (leggi qui):

“E come dimenticare quelle immagini del film “Sesto Continente”, con un certo Silverio Zecca ponzese (Zecchetiell’), immortalato dal grande nuovo concittadino mentre nuotava con maschera e tubo, preceduto davanti al vetro della maschera da quel pesciolino . . . →: Silverio Zecca in “Sesto Continente”, di Folco Quilici