Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

u-36 ernesto-b s1-23 45 85 98

I conti di Minicuccio – parte prima

di Rita Bosso

.

Con due soli scarabocchi, O per le unità  e ø per le decine, Minicuccio può rappresentare i numeri da uno a novantanove; volendo potrebbe scrivere qualunque numero, basterebbe inventarsi  altri scarabocchi. Con O, ø e X potrebbe arrivare a novecentonovantanove, ma a che gli servirebbe? . . . →: I conti di Minicuccio – parte prima

‘U grano pe’ Gesù Cristo

Chi c’ha visto/ e chi nun c’ha visto/

date ‘u grano/ pe’ Gesù Cristo/

Chi ‘u grano nun ce vo dà/

tutto paglia adda diventa’

Durante la guerra non era rimasto neanche il grano per le ostie; il parroco Dies andò in cerca sugli Scotti. Notato che la gente cercava di nascondersi . . . →: ‘U grano pe’ Gesù Cristo

Via Corridoio

Via Corridoio

di Rita Bosso

La casa di via Corridoio era enorme e circondata da tanti mostri: troppi, per una bambina cacarona quale io ero. 
Il più solitario se ne stava al fresco, in fondo alla cisterna: non bisognava assolutamente aprire la porticina ed affacciarsi, su questo . . . →: Via Corridoio

Alla deriva… Sul dialetto ponzese

di Mario Balzano e Sandro Russo

All’inizio della storia – quella troppo lunga da raccontare che ha portato infine alla creazione di questo sito “ponzaracconta” – ragionavamo intorno alla purezza della nostra lingua madre, nel senso del dialetto ponzese.

Abbiamo cominciato a parlarne dapprima in quattro gatti, poi un . . . →: Alla deriva… Sul dialetto ponzese

La terza elementare del 1937

La terza elementare del 1937

di Rita Bosso

 

1. Maria Di Fazio  2. Iole Conte  3. Edda Esposito  4. Luisa Regine  5. Peppina D’Atri  6. Assunta Di Meglio  7. Giustino Mazzella  8. Elio Garau  9. Benito D’Atri  10. Don Salvatore Tagliamonte

 

I quarantaquattro alunni della terza elementare del 1937 . . . →: La terza elementare del 1937

Annarella

di Rita Bosso

Siamo in presenza di una vita difficile, spesso precaria, il cui equilibrio si compie regolarmente a danno dell’uomo, condannandolo senza remissione alla sobrietà…

(F. Braudel – Mediterraneo)

Parole sante; non è che le ho capite tutte  però quel poco che ho capito è la verità. Se sapessi . . . →: Annarella

Matalena

 di Rita Bosso

 

Per la fame. Siamo venuti per la fame. E perché, se no? Se non era per la fame restavamo là… Chi ce lo faceva fare, a venire fin qua?

[A. Pennacchi – Canale Mussolini]

No, non è stata la fame; se sto qua, è stato . . . →: Matalena