- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

Coronavirus Covid – 19

di Dante Taddia

[1]

.

Corona Virus Covid – 19 

Fra le tante cose nove
ch’er ggiornale ci’ammannisce
puro er covidiciannove
questa vita ci’antristisce.

Appare come raffreddore
febbre, tosse a raganella
e ner giro dde quarch’ore
t’aritrovi su barella.

E manco fosse ’a ’nquisizzione,
se’ ppe’ loro ’n’ampestato,
sott’a tenda a esposizzione
starai ar rogo destinato:

T’hai lavati diti e mano?
Hai stranutito ar fazzoletto?
Hai salutato da romano?
Stai lontano un metro netto?

E si ‘ste cose tu l’ha fatte,
ce poi sta cento ar sicuro
‘sta corona  ’n’acchiappatte,
ma la testa sbatti ar muro

nun sai più che devi fa’
nun t’abbasta a tivvusione,
e dd’e palle in quantità
pp’i vecchi firme che propone.

For de casa più nun esco
magno solo pe’ scommessa
guardo a tutti ’n po’ ’n’cagnesco
e ’n quarantena ’a  vita è messa.

Er rimedio nun è pronto
ma potemo de mancino
“er corona” fallo tonto
nell’attesa der vaccino.

lassa sta ’a disperazzione,
nun te devi fatte tristo
dde sicuro quest’è azzione,
che nn’e’ mani semo a Cristo

e com’ar tempo dde la peste
magna e bbevi a garganella,
fa’ l’amore e grandi feste
e ’sta vita famo bella.