- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

Una canzone per la domenica (86). Maddy

proposta da Silveria Aroma
[1]

.

“Canzone della domenica”? Tutt’al più… è una cover.

La luce del sole lentamente si allunga verso la colonna bianca, fra pochi giorni raggiungerà anche la mia finestra.
Che ci sia l’inquinamento, il corona“vairus”… che il sogno di un amore sia finito o che continui, il sole sorge e tramonta, indifferente.
L’aliscafo è appena partito e il caffè è venuto su borbottando piano nel suo metallo a solchi circolari.

La primavera è in anticipo, l’isola è già ammantata di un ampio giallo a tratti macchiato di viola lavanda. I narcisi sono sfioriti, le calle ornano gli orti, le viole le pareti, le margherite insistono a grandi macchie.
Con i bulbi dell’iris grattugiati le nonne profumano il bucato, ecologiste di un mondo senza ecologia. Quelli, bianchi e viola scuro, fioriranno più avanti.

[2]

Marzo è il mese di San Giuseppe.
Fra voci e incertezze varie pare che la festa sia stata spostata al 1° maggio. Le novene cominceranno regolarmente mentre il giorno della festa la Messa solenne sarà celebrata all’aperto. La tradizionale zeppolata dovrebbe tenersi il 30 aprile allietata dalle canzoni proposte dai bambini.
Pare…

 

Maddy (Maddalena Del Ponte) come ogni anno ha tenuto i giovanissimi a lezione per prepararli a cantare. Una banda di piccoli e piccolissimi, timidi o teneramente sfacciati, cantanti per una sera, per la gioia di genitori, nonni e zii.

Maddalena suona in chiesa con il coro della Parrocchia di Le Forna.
Da ragazze facevamo parte dello stesso coro a Santa Maria. Eravamo giovanissime io, Silvia, Maddy, Maria Assunta, Maria Grazia… Ora siamo tutte sulla linea del mezzo secolo.

[3]

Da sx: Silvia, io e Maddy, 1990 credo

Ci è capitato insieme ad altri che hanno sempre gravitato intorno alla chiesa di San Giuseppe, e che magari ora fanno parte del comitato, di mangiare un tiramisù alle quattro del mattino e di fare viaggi insieme…
Prima o poi dovremmo organizzarne uno straordinario. Pensiamoci!

Per i miei “50” Maddy mi ha portato in dono la musica… compreso il tango argentino per mio padre e la sua consorte (e compagna di ballo). Io voglio ricambiare dando alla canzone della domenica la sua voce.

Così ci sarà anche spazio per una donna, cantante ponzese, il giorno della festa della donna.
…E come diceva mia nonna: la vita è una lotta, coraggio donne!

[4]

E allora, e allora… tutt’al più.
“Tutt’al più”, per la voce di Maddy

http://www.ponzaracconta.it/wp-content/uploads/2020/03/Tuttalpiu.-By-Maddy.mp3 [5]

Tutt’al più è un brano scritto da Franco Migliacci e Pietro Pintucci. L’arrangiamento è di Ruggero Cini e la sua orchestra. Col brano Patty Pravo partecipò a Canzonissima 1970. Il brano fu incluso nell’album Bravo Pravo.

Tutt’al più

Qualche volta
Penso di tornare da te
E se non l’ho ancora fatto
Non è perché l’amore sia finito
Io ti amo ancora
Non l’ho fatto solo perché
Perché ho paura
Di trovarti cambiato
Ma stasera
Ho deciso di tornare
Tutt’al più
Mi accoglierai
Con la freddezza che
Non hai avuto mai
E forse fingerai
Di non sapere il nome mio
Magari parlerai
Dandomi del lei
Oppure tutt’al più
Mi chiederai
Quanti ragazzi ho avuto
Dimenticando te
Eppure tu sai bene
Che una ragazza come me
Non scherza con l’amore
Non ha scherzato mai
Tutt’al più
Mi offenderai e
Poi mi caccerai
Dicendomi che oramai, no
Non mi interessa più
Una ragazza che
Serviva solamente
Per divertirsi un po’
E allora me ne andrò
E mi rincorrerai
Per chiedermi perdono
E mi accarezzerai
Ricorderai il mio nome
E quello che c’è stato
Magari…

E allora me ne andrò
E mi rincorrerai
Per chiedermi perdono
E mi accarezzerai
Ricorderai il mio nome
E quello che c’è stato
Magari fosse vero
E magari fosse vero
Tutt’al più
Ti troverò
Insieme a quella che
Ha preso il posto mio
E allora
E allora
Amore

[6]