Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a2-10 i-25-bis v4-11a bp-01 corrida8 Il crostaceo alieno: Percnon gibbesi

Sconfitta di misura per le torelle

inviato in Redazione da Paolo Iannuccelli
.
Bull Basket Ponza 45 – Virtus Albano 48
10-12 16-15 7-14 12-7
Bull Basket Ponza 
Corona 6, Ramadan 11, Perini 4, Colabello 4, D’Angelo, Soscia 2, De Angelis, Stamegna n.e. Salvucci 7, Marchetti, Barile 11.
Coach: Di Maria
Virtus Albano
Pallotti 2, De Carolis 11, Moroni 8, Del Frate, Salvioni, Colucci 3, Foco, Casey 4, Mondano 5, Greco 2, Manzini 13, Del Gigante. Coach: Foco

La Bull combatte ma esce sconfitta.
Quarta giornata di ritorno del campionato di C femminile per la squadra isolana che non riesce a confermare quanto di buono visto nelle ultime uscite.
Proprio così perché la Bull Basket Ponza lotta per tutta la partita ma sono le castellane a spuntarla: Bull che si presenta al Palarisaliti di Latina con qualche acciacco fisico oltre alle indisponibili che per coach Di Maria è diventato un farne conto quotidiano.

La Bull parte con Corona, Colabello, Ramadan, D’Angelo e Perini, pronti via e il tabellone segna una costante parità per tutto il quarto, le castellane chiudono con un più due che però non preoccupa le torelle.

Secondo quarto in cui si vede ruotare quasi tutta la panchina a dimostrazione che ogni elemento si fa trovare pronto, qualche adeguamento difensivo e qualche ritocco in attacco permettono alle torelle di recuperare un punticino ed andare al riposo lungo a meno uno.

Terzo quarto che vede una lieve flessione delle padrone di casa che incassano qualche colpo di troppo, la stanchezza si fa sentire, il team di Foco trova anche qualche realizzazione improbabile e si va ad iniziare l’ultimo quarto da meno otto.
Di Maria organizza un pressing tutto campo che porta da subito i suoi frutti, dopo un minuto e quaranta si va in parità; la Virtus Albano si chiude in un time out e ne esce sicuramente bene, le romane ricominciano a giocare, la Bull non ha più quello smalto dei primi minuti ma si continua a lottare.

Ultimi secondi concitati, in cui la palla diventa un macigno e il canestro sembra un tabù, finisce  48-45: un risultato che lascia l’amaro in bocca ma che sicuramente sarà sfruttato al meglio per riflettere sugli errori.

Coach Di Maria sulla partita:
“E’ stato un match delicato, sempre giocato punto a punto e con alcune di noi non in perfetta forma, abbiamo concesso troppo al terzo quarto, soprattutto in difesa.
Alle mie ho detto che comunque dobbiamo prendere tutte le cose positive di questo match e farne tesoro: si sono viste cose buone e sarà compito mio sfruttarle per il prosieguo del campionato”.

Prossimo incontro per la Bull Ponza, sabato 15 a Roma contro il Montesacro.

Ufficio Stampa 
Bull Basket Ponza 

Devi essere collegato per poter inserire un commento.