Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-33 sn dc m3-15a ss02 casa-dei-vitiello

Poesia post-natalizia dall’Africa

di Dante Taddia

.

Natale è passato da qualche giorno, e questa mia poesia potrebbe sembrare in ritardo: essa però in realtà vuole sottolineare proprio la delusione e la malinconia provate per un’altra occasione mancata. Ma non manca un pizzico di speranza.
Il dialetto è sempre il mio, il romanesco. Ma la mia non vuole essere una gara tra autori, con l’amico Franco De Luca, e tanto meno, per quanto attiene il linguaggio, tra Ponza e Roma.
Buona lettura e Buon Anno
D.T.

Ma e’ ppropio Natale?

“Sora Nina, mma cche ddite?”
“Nnun vve dico Sora Tuta…”
“E si mm’o dite, mmo’ m’o’ dite
o sinnò ve state muta”.

“Vv’o riporto tonno tonno,
ppare proprio che ssu’ ttera,
vabbè ssì, è nne’ ’sto monno,
nun se facci ppiù la guera,

nun s’ammazzi ppiù er fratello,
e le donne ’n se violenti,
nun strapazzino er pischello,
e sia finiti i ddilinguenti”.

“Cci’ate quasi settant’anni
e ’ste favole ascortate?
Nun se scaccia ’sti malanni
si ’n tortòre nun pjiate!”

“Vve lo dico e vve lo giuro,
arinasce er Bambinello.
E’ ’na luce ne’ ’sto scuro
ppe’ ffa ’n monno ’n ppò ppiù bello”

“Un goccetto, ’o so, vve piace,
ma ’mbriaca mmai v’ho vvista,
ma stavolta, me dispiace
’n’ate fatto ’na provvista!

Tsk, rinasce er Bambinello…
a ’sto monno…? …ch’è dde cacca!
Mmo’ ritrova er somarello
o la zinna dde la vacca!

Farabutti troppo semo.
Che sse ffa pe’ meritallo?
quasi ggnente, anzi meno,
dde ’sta nascita er riscallo?

Ppiù ’n se fanno li presepi
ppenza a tutto ’a tivvusione,
nun sai manco perché crepi,
o pperché vivi dda cojione!

Ssora Ni’, l’ate sognato!
Ch’arivenghi cce se prega
a la pprima ’o amo ’ncrociato
pp’a seconda nu’ se frega!”

“Mma cche ddite Sora Tuta,
Lui all’omo je vo’ bbene,
è ’na cosa risaputa,
e ss’è scordato ggià le pene”

“Si volemo ch’aritorni,
questo l’omo bbono spera,
n’amo a ffa com’a li forni
che s’accenne pe ’na sera…

ma cor foco dell’amore,
e no sortanto pe’ Natale,
ogni ggiorno, a tutte l’ore
coci ’r pane a ttutti, uguale!”

Devi essere collegato per poter inserire un commento.