Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-15_19-22-25 2009-07-21_19-18-26 05-11-2005-19-19-41_0001 gruppo-comunioni s-_silverio_febbraio_1961 ss02

Lunata, lunatica o stralunata?

di Enzo Di Giovanni

.

Trovo senz’altro interessante il parallelo che fa Luisa Guarino tra Ponza e Ventotene nella sua Epicrisi (leggi qui).
Non conosco abbastanza la storia recente di Ventotene per potermi permettere un confronto, ma l’analisi secondo la quale Ventotene ha da sempre respirato un’aria di fermento culturale che ha inciso più che a Ponza credo meriti di essere approfondita.
Le presenze di un certo livello le ha avute, e continua ad averle, pure Ponza.
Anch’io, come Luisa, decisamente non amo il termine “lunata”: ma anche a Ponza abbiamo la libreria, intesa come centro di divulgazione culturale: “Il Brigantino” di Silverio Mazzella.

Anche a Ponza si respira cultura, anzi: come dico spesso ai vacanzieri estivi, probabilmente il rapporto tra residenti ed opere letterarie prodotte annualmente non teme confronti, non solo con Ventotene, ma a livello planetario.
Verrebbe da dire che il problema è la nota litigiosità dei ponzesi, che rende frammentaria e non produttiva nel tempo la società ponzese, ma anche a Ventotene non scherzano, almeno a leggere le continue polemiche sui social. Non sono le persone, e le conseguenti classi dirigenti che ne sono lo specchio, a segnare una differenza marcata tra le due comunità.
Lo spopolamento invernale? E’ vero, molti ponzesi lasciano l’isola d’inverno, ma Ventotene non sembra stare meglio, anzi.
Ed allora?
Di sicuro a Ponza non siamo bravi a valorizzare le nostre risorse, la nostra storia.
Un piccolo esempio?
Mi ha colpito, nella recente polemica aizzata dalla minoranza consiliare a proposito della toponomastica di cui sono stato membro della commissione, una battuta fatta da Piero Vigorelli, riferita al sottoscritto, perché avrei inserito tra i nuovi nomi proposti Paul Thek, “solo perchè mio amico”.
Ora si dà il caso che Paul, che frequentava Ponza negli stessi anni di Renato Zero a Ventotene ma con una presenza decisamente più “importante” perché viveva qui almeno sei mesi l’anno, realizzando le opere più importanti della sua produzione artistica, sia oggi uno degli artisti più celebrati a livello internazionale (leggi qui e qui).
Le mostre che si svolgono in sua memoria innalzano e fanno conoscere Ponza, il suo nome, nelle più importanti città del mondo.
La strada che abbiamo pensato per Paul Thek, è un piccolo, anzi fin troppo modesto, e doveroso omaggio all’artista, alla sua valorizzazione di Ponza, e per estensione ai tanti artisti che sono stati ammaliati dalla nostra isola nel corso dei secoli: altro che “mio amico”!

Un dipinto di Paul Thek

Non so per Ventotene (e sarebbe forse utile aprire un confronto con i nostri “cugini” seguendo il confronto proposto da Luisa), ma i ponzesi soffrono da sempre l’incapacità di apprezzare la bellezza dell’isola. Abbiamo valenti scrittori, come accennavo prima, poeti, pittori, ma questo patrimonio umano non è mai riuscito a diventare socialmente rilevante, capace cioè di imporre una tendenza, un carattere dominante dell’isola e degli isolani.
Allo stesso modo, non siamo stati finora, e l’episodio citato di Paul Thek lo testimonia, capaci di “vedere” Ponza con gli occhi di chi, da “forestiero”, ha colto la bellezza istintiva, primordiale ma anche antropologica, che ci circonda.
Abbiamo una isola “iconica”, come si usa dire oggi, ma non lo sappiamo.
Senza “visioni” non si costruisce nulla, perché significa non avere consapevolezza del valore di quello che si ha, e di questo bisogna tener conto, se si vuole avere una speranza di futuro.
Anzi, direi che non vi sia nulla di più importante.

4 commenti per Lunata, lunatica o stralunata?

  • silverio lamonica1

    Caro Enzo, l’epicrisi cui fai riferimento, riguarda, tra l’altro, un articolo su Ventotene che ho tradotto dall’inglese.
    Sono in sostanza d’accordo con le tue osservazioni, tuttavia credo opportuno aggiungere qualcosa:
    1) Ciò che le accomuna è il drammatico isolamento invernale, cui le rispettive amministrazioni sono impegnate a porre rimedio.
    2) Si tratta di due isole di diverse dimensioni, Ponza 7 Kmq e Ventotene Kmq 1,5 (circa). Le dimensioni influiscono molto sul modo di vivere. Se da Ponza ci spostiamo ad Ischia o all’Elba, notiamo ritmi di vita diversi, ben più “movimentati”.
    Va da sé che un piccolissimo territorio, come Ventotene, ti offre una vacanza di tutto relax e ti invita, anzi ti esorta a leggere.
    Un territorio circa 7 volte più grande, con un’orografia e una costa ben più variegate e frastagliate, cui si aggiungono altre due isolette: Palmarola e Zannone (tre con Gavi) per visitarlo ti chiede un impegno maggiore e “ritmi ben più accentuati” dovendoti districare nel traffico terrestre e marittimo.
    La sera è bello, anzi paradisiaco leggere un libro nella quiete totale, sbirciando di tanto in tanto il firmamento, dopo un piacevolissimo colloquio col titolare della libreria “Ultima Spiaggia”, ma a Ventotene!
    La sera a Ponza, prova ad avere un colloquio ‘culturale’ con Silverio e altri interessati, nella sua libreria “Al Brigantino” con la sonora “movida” di Mamozio cui fa eco il complesso musicale del Winspeare dall’altro lato! (io infatti, frequento la libreria di Silverio Mazzella solo al mattino. Di sera, se capita, un fugace saluto e via).
    Ma pur nella loro diversità, le due isole sono caratterizzate da un “fascino arcano” che, nonostante qualche “difettuccio”, le fa amare sempre di più.

  • silverio lamonica1

    Credo opportuno aggiungere che anche Ponza dispone di meravigliose zone turistiche “di tutto relax” e Le Forna è tra queste. Se infine si decide di trascorrere un week- end, o magari una settimana a Palmarola, in una delle tante “case-grotte”, il top del relax è garantito, specie a sera, quando è possibile ammirare il firmamento in tutta la sua bellezza, cullati dallo sciabordio delle onde e dal canto dei grilli: unici gradevoli suoni ammessi, oltre al lieve fruscio della brezza.

  • Luisa Guarino

    Caro Enzo, anche dopo aver letto il tuo scritto resto del parere che figure come quelle citate da Tonino Impagliazzo, a prescindere da Renato Zero, siano riuscite tra gli anni Sessanta e Settanta a lasciare il segno, a coinvolgere e trasformare i giovani, e di conseguenza l’intera popolazione di Ventotene. E questo a Ponza non mi pare ci sia stato. Magari ci sarà stato spazio per un rapporto, un’amicizia, un contatto personale: niente a che fare con quella temperie culturale che si era creata a Ventotene. Per quanto riguarda Paul Thek (e qui la toponomastica non c’entra niente) prima che ce lo facessi conoscere tu non lo avevo mai sentito nominare. Certamente una mia pecca, visto che dipinge Ponza in maniera affascinante. Ma il nazional popolare Renato Zero compone “Il Cielo”, e di Ventotene parla tutto il mondo.
    PS – Capiamoci: sono tutt’altro che una “sorcina”

  • Rita Bosso

    Per consolare la cara Direttora segnalo un articolo di Sette. Il cantautore Mario Lavezzi, frequentatore abituale della nostra isola, racconta che la fidanzata dell’epoca, tale Loredana Bertè, tornando da Ponza gli confidò….
    https://www.corriere.it/sette/incontri/19_dicembre_13/lavezzi-entro-loredana-ci-fidanzammo-berte-le-chitarre-che-ho-spaccato-testa-c00630f6-1db3-11ea-a6e9-db5db58fc7bb.shtml

Devi essere collegato per poter inserire un commento.