Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

ep-02 h-22 p-17 91a scansione0005 Una cintura di cistoseria a pelo d'acqua

Le tigri! Che altro?

di Sandro Russo

.

Dal giornale Latina Oggi riportato in Rassegna Stampa odierna (24 nov. 2019; pag. 20) ho personalmente espunto una notizia che mi ha molto colpito:

“Inchiesta chiusa sull’odissea delle tigri. Il caso.
La Procura aveva aperto un’indagine sugli animali finiti adesso in Polonia, una non aveva retto allo stress del viaggio”.
Quindi l’inchiesta è stata chiusa, non ci sono responsabilità penale; uno degli animali è morto e gli altri hanno sofferto pene che non possiamo neanche immaginare.
L’importante è che il caso sia stato chiuso.

– Ma con tanti problemi che ci sono, proprio agli animali vai a pensare? – Il sincero (?) stupore di un “capo politico” a proposito dello ius soli dei giorni scorsi è quanto mai pertinente anche per questo caso.
Come non capire che il tratto che li lega è l’essenza stessa dell’humanitas che stiamo perdendo passo dopo passo – se mai l’abbiamo avuta – e torniamo alla belluinità pre-sociale, all’istinto della foresta?
È che il pensiero della Natura è ormai doloroso a tutti i livelli, si tratti di clima, di mare, di estinzioni di massa di specie animali e vegetali..!

Ho cercato di rintracciare altre notizie sulle tigri…

Il viaggio da incubo di 10 tigri trasportate da Latina a uno zoo in Russia è finito ma una è morta
del 2 novembre 2019:
https://lacittanews.it/il-viaggio-da-incubo-di-10-tigri-trasportate-da-latina-a-uno-zoo-in-russia-e-finito-ma-una-e-morta/
Vedi anche al link: https://www.greenme.it/informarsi/animali/viaggio-incubo-tigri-latina-russia/

Il 22 ottobre 10 tigri sono partite da Latina per un viaggio da incubo con destinazione uno zoo della Russia. Gli animali, secondo quanto riporta LAV, Lega Anti Vivisezione, hanno viaggiato in casse molto strette, assolutamente inadeguate alle loro esigenze, considerata poi la notevole distanza da percorrere.

Impossibilitate a muoversi, sofferenti, a tal punto che una di loro è già morta e, a quanto pare, un’altra è in fin di vita. Ferme da giorni al confine tra Polonia e Bielorussia, finalmente sarebbero state portate presso lo zoo di Poznan in Polonia. E appena possibile, 5 di loro saranno portate presso il Santuario Primadomus di AAP in Spagna, mentre le altre 4 rimarranno in due zoo polacchi.

In una nota la LAV ha dichiarato:
“I video che abbiamo ricevuto in anteprima mostrano che viaggiavano in condizioni agghiaccianti, condizioni non conformi alla normativa vigente.”
I volontari di LAV, nel frattempo, hanno deciso di denunciare per maltrattamento e uccisione “i responsabili e chi avrebbe dovuto garantire sulla VITA degli animali”, in collaborazione con l’associazione AAP.
Anche il WWF Italia aveva chiesto al governo italiano di intervenire al più presto per risolvere l’emergenza, scrivendo sul proprio sito:
“La situazione è critica visto che le tigri, da informazioni pervenute attraverso una lettera inviata al ministero degli Esteri e per conoscenza al WWF Italia, versano in condizioni di grave sofferenza. Da 9 giorni sono bloccate in un camion al confine tra Polonia e Bielorussa. Tra l’altro una delle 10 tigri sarebbe deceduta proprio a causa di questa situazione. Dopo aver ricevuto la segnalazione il WWF Italia ha allertato immediatamente il WWF Polonia che ha subito trovato una struttura disponibile ad ospitare le tigri. Il WWF Polonia si è anche messo a disposizione per sostenere i costi di mantenimento delle tigri per tutta la durata dell’emergenza.”
Un caso che, come afferma il WWF, fa luce sul commercio di felini che purtroppo è ancora molto diffuso, basti pensare che secondo un’indagine di Interpol del 2018, l’85% del commercio mondiale di tigri avviene proprio nella nostra Europa e non si sa, spesso, che fine facciano.

 

Devi essere collegato per poter inserire un commento.