- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

Due milioni di anni… e non dimostrarli

di Silverio Guarino
[1]

.

Mi chiedevo spesso, quando ero piccolo e passeggiavo per i sentieri dell’amato scoglio, come potevano essere presenti lì tutte quelle lucertole.
Mi dicevo: gli uccelli vengono volando, i pesci nuotando… ma le lucertole?

La risposta è di questi giorni: le lucertole sono di Ponza, più ponzesi di me e di voi, e ci vivono e vi si riproducono da più di due milioni di anni!
Adesso comprendo meglio il significato del loro sguardo altezzoso e fiero e delle arie da nobili che vedevo in loro, piccoli fossili viventi di altri tempi e di altri mondi.

Non sono a conoscenza della durata media della vita della lucertola di Lataste, “Podarcis Latastei” (così bisogna identificarla oggi, secondo le scoperte degli scienziati), ma certo è che continuerà a vivere e a riprodursi sull’isola, senza dover iscriversi alle anagrafi del “continente” per registrare le nuove nascite; come dire “ponzesi per sempre”.
A dispetto degli scienziati che temono una sua estinzione e che ne auspicano la protezione.

Chi ha riportato in cronaca la notizia della scoperta e della esistenza di questa lucertola finora “sconosciuta”, non ha potuto fare a meno di usare il termine “pontine” di “sottoriviana memoria” (leggi qui [2]), per indicare, questa volta: Ponza, Palmarola, Zannone e Gavi (ma non erano “pontine” anche Ventotene e S. Stefano?).

Insomma, anche questo “rettilino eterotermo” è inciampato sulla “ponzianità” della sua origine.
E, comunque, lasciamole in pace, almeno loro!

In file .pdf la notizia nell’articolo di la Repubblica di ieri: Da la Repubbica del 19.11.2019 [3]

 

Commento e foto di Sandro Russo (Cfr)

A proposito di lucertole, e anche per stemperare quel minimo di garbata polemica presente nell’articolo di Silverio, ricordo qui che anche Capri ha la “sua” lucertola: la lucertola azzurra di Capri – Podarcis sicula coerulea -, con habitat esclusivo sui faraglioni dell’isola tirrenica, per cui è anche (poco) conosciuta come ‘lucertola dei faraglioni’.
Il reportage di riferimento è stato pubblicato (in due puntate) sul sito nel 2014, ma si riferisce a un viaggio fatto a Capri nel febbraio del 2010:
http://www.ponzaracconta.it/2014/05/16/dinverno-per-isole-la-ricerca-del-blu/ [4]
http://www.ponzaracconta.it/2014/05/18/dinverno-per-isole-la-ricerca-del-blu-2/ [5]

[6]
[7]

La lucertola azzurra dei faraglioni ha le squame della zona dorsale di colore blu oltremare, anziché verde, e quelle della zona ventrale di colore azzurro con riflessi metallici, invece che verde chiaro