Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0045-045 u-31 30-07-2005-19-29-18_0002 ss02 Piccola cernia, Epinephelus marginatus Bavosa africana: Parablennius pilicornis

I segreti della seppia

di Luciano Bernardo

.

Mi chiamo seppia e sono un mollusco cefalopode, esattamente come il polpo. A differenza di mio “cugino”, oltre a possedere otto corte braccia, ho anche due lunghi tentacoli ripiegati in apposite tasche. Quando avvisto un pesciolino o un crostaceo, li estendo come elastici e afferro la preda con la loro estremità clavata e munita di ventose. Sono anche provvista di una conchiglia interna, il famoso “osso di seppia”, che utilizzo come organo di galleggiamento. Infatti, è molto porosa e posso riempire di gas le sue microscopiche cavità a seconda dell’esigenza di salire, scendere o fermarmi a mezz’acqua (funziona come la vescica gassosa dei pesci). Nell’antichità, trovava impiego in medicina per la “cura” della gonorrea, scabbia etc. Lo ricorda il mio nome scientifico: Sepia officinalis.

Di solito, nuoto lentamente facendo ondeggiare la pinna laminare che contorna il mio corpo. All’occorrenza, come tutti i cefalopodi, posso anche muovermi a “reazione”, soffiando con forza l’acqua dall’imbuto con conseguente spinta in direzione opposta. Spesso, copro la fuga con una nuvola di inchiostro, quello che voi usate per condire la pasta! Nella mia pelle ci sono migliaia di cromatofori, cellule contenenti pigmenti colorati, e iridofori, che scompongono e riflettono la luce. Il risultato è una strabiliante capacità di variare istantaneamente colori e disegni del mio corpo, che utilizzo per mimetizzarmi o trasmettere messaggi del tipo: sono arrabbiata, sono spaventata, sono disponibile all’accoppiamento. Questa mia capacità è ancora più sorprendente se considerate che io i colori neanche li vedo!

In primavera-estate, mi avvicino alla costa per deporre le uova. Le attacco ad alghe o altri oggetti sommersi e poi, diversamente dal polpo, le abbandono al loro destino. Le mie uova sono simili a grappoli d’uva e qualche volta, soprattutto dopo le mareggiate, si rinvengono sulla spiaggia. La schiusa avviene in 1-3 mesi. Come il polpo, mi riproduco una sola volta e la mia vita dura 2 o 3 anni.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.