Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0018-018 ep-03 u-15 k2-17 50 Idraulica antica: cisterna della Dragonara

Nuovo premio ad Alfredo Scotti per “Nustalgia napulitana”

di Luisa Guarino

.

Piazza d’onore per il poeta ponzese Alfredo Scotti, che con la lirica “Nustalgia napulitana” ha conquistato il secondo posto al V Concorso nazionale – Premio Grimoaldo I (sezione in vernacolo), che si è tenuto a Grimaldi, in provincia di Cosenza. Il concorso è di importante valenza storica, essendo dedicato alla memoria di colui che è stato duca di Benevento e re dei Longobardi. Alla presenza delle autorità locali, tra cui il sindaco di Grimaldi Roberto De Marco, ha ritirato il riconoscimento per Scotti il poeta e amico Maurizio Notti. Con questo nuovo premio il poeta onora non solo la sua isola e la provincia pontina, ma anche l’amata Napoli, dove è nato, fonte ispiratrice dei nostalgici versi.

L’attestato critico della giuria così ha motivato la propria decisione: “I versi di ‘Nustalgia napulitana’, espressi in dialetto napoletano dolce e musicale, mettono a confronto la modernità con la tradizione, il presente con il passato, l’attualità con i ricordi, in una cornice armoniosa, ritmata ed emotivamente ricca di significati”.

L’artista da anni va mietendo prestigiosi riconoscimenti in gran parte d’Italia, nella poesia in dialetto napoletano e non solo.
Infatti Alfredo Scotti è stato insignito di recente del Premio d’Onore alla XV edizione del Concorso nazionale “Il Castello di Sopramonte” a Prato Sesia (Novara) con la versione in lingua proprio della stessa poesia “Nustalgia napulitana”, che evidentemente è piaciuta al pubblico e alla giuria anche nella versione in italiano: un ulteriore segno della validità e della forza dell’ispirazione poetica del componimento, che riesce a spaziare dal sud al nord, dalla Calabria al Piemonte.

Solo pochi mesi fa inoltre, l’artista ha conquistato due primi posti nei concorsi di poesia di Lucito di Campobasso e Taranto con la lirica in vernacolo “Na refula ‘e viento”.
Secondo i componenti delle rispettive giurie in entrambi i casi l’autore pontino “ha raggiunto l’intimo dell’animo umano, cogliendone le sfumature più recondite, e ricordando da vicino la ‘poesia del vero’, rappresentata tra i secoli XIX e XX da Luigi Capuana”, noto scrittore, critico letterario e giornalista siciliano.

Nato a Napoli nel 1954, Alfredo Scotti vive a Ponza (Latina), dove svolge attività di perito industriale in impiantistica civile. Appassionato di fotografia, arte ed elettronica, scopre il piacere di scrivere ed esordisce con testi introspettivi, giovanili e non, esternando sentimenti e riflessioni sulla quotidianità fatta di piccole e grandi vicende che, se non fermate con la scrittura e raccontate agli altri, finirebbero nel dimenticatoio, senza poter dare tutto quello che c’è di buono o di brutto delle esperienze vissute. Autore di numerose poesie e prose, Scotti ama scrivere soprattutto in vernacolo, dove può raggiungere una musicalità espressiva diversa e più incisiva rispetto ai componimenti in lingua.


Nustalgia napulitana

Me ne jeve cammennanno, pe ’nu vico assaje antico,
’na figliola s’avvicina e m’addimanna:
Signuri’ … d’addò venite? Site forze furastiere?
Prontamente le rispongo; ma tu che dice,
io… so’ nato dint’a ’stu vico!
Tiempe belle… ’e quanno ancora se parlava… ’o napulitano antico,
mo… me giro attuorno e nun trove chiù ’e ffacce amiche,
sulamente furastiere… cu ’na pelle scura o nera.
Bella figlio’… nun piglia’ fischie pe’ fiasche… io nun è ca so’ razzista
ma so’ sulamente tradizionalista.
Siente a mme: ccà na vota era ’o vascio ’e donna Nannina,
e mmo ce sta ’nu filippino,
addo’ ce steva ’onna Teresa
mo ce stanno tre cinese,
’a cantina ’e don Vicenzo, mo ce sta ’nu scirlankese
ca te venne tutt’è ccose ca nun so’ ’e chisto paese.
Figlia bella, che ne sai tu ’e ’stu vico?
Cca ’na vota, se parlava, ’o nnapulitano antico.
’E putecare, alluccavano e devano ’a voce… d’e
ppatane, d’e friarielle e de tanta rrobba bella,
mo se parla ormai l’inglese, ’o ccinese e ’o scirlankese.
Comme vurria senti’ ’a voce ’e don Austine ca ’a stagione te venneva
l’acqua ’e mmummera, ’e spighe allesse e appezzate, ’e figurine.
M’arricordo addu Triunfo,
ca magnave ’e ciurille, panzarotte
’e pizzèlle c’a ricotta.
Chistù vico nun è cchiù isso,
addo’ stanne ’e facce amiche ’e chelli bancarelle noste ?

Signuri’, ma che dicite ?
Chella gente… a ll’atu munno se n’é gghiuta,
e mo, cu ’sta globalizzazione…
se sta cagnianno pure ’a pupulazione.

Bella figlio’, allora… sai ca te dico ?
Pe’ me, Napule nun po’ cagna’,
e ’a lengua nosta è chesta cca e nun po’ muri’,
bianche, gialli, russe o nire,
nun ce ponno fa’ scurda’,
sempe ’e Napule nuje simmo
e ’o core nuosto sta ccà
dint’ ’e prete ’e chistu vico antico.

La poesia letta da Rosario Di Nota, di Sorrento:

 

 

 

 

Devi essere collegato per poter inserire un commento.