Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

e p-17 u-25 c2-19 k1-16a k2-25

Sotto ’st’arcata

di Francesco De Luca

.

Sono tempi di mutamenti: le stagioni, le relazioni, la politica. Questo induce a reagire, a riposizionarsi, e ciascuno la fa secondo le sue coordinate. Come se non si possa rimanere nell’immobilità. Anche se questa potrebbe essere la reazione più saggia, in attesa che gli eventi prendano una direzione certa.
Invito a trattenere l’animo, a sedersi sullo scorrere del tempo. A riflettere.

Sotto ’st’arcata

Cca m’he ditto “no” ’ll’ata sera,
sotto ’st’arcata,
c’a luce miccia (1),
e tu, scura ’nfaccia,
parlaste a pogne (2),
manco fosse stato ’na carogna.

Cca torno a passa’,
e ’a Madonna ’a dint’a cappella
c’a faccella sporca ’i porvere
me spia arreto:
“’Nte scuraggia’ – cunsiglia –
’u core trova ’u recietto (3) suie,
dalle tiempo!” 

Ancora stongo aspettanno chillu mumento
e tutto chill’ ammore ch’aggio tenuto caro,
’a zucchero che era
è deventato sale.

 

(1) – fioca; (2) – con astio; (3) – ordine.

 

Questa la versione recitata:

Devi essere collegato per poter inserire un commento.