Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

scb si betty-01 viso-ponzese corrida15 marie-la-moglie-di-giovanni-1973

“Amato scoglio”. Scoglio amato: da chi?

di Silverio Guarino

.

Dopo averlo scritto e riscritto più volte, la dizione: “amato scoglio” fa parte della nostra quotidianità e con un certo pudore misto ad orgoglio, la vedo riportata da tanti amici ed estimatori sia nel loro linguaggio parlato che in quello scritto.

“Amato scoglio”, scoglio amato: da chi?”
Dalla stragrande maggioranza dei ponzesi certo che no, se lo maltrattano e lo sviliscono ad ogni occasione.
Dalla stragrande maggioranza dei turisti certo che no, e lo si vede da come lo sporcano e da come lo lasciano alla loro dipartita.
Dalla maggior parte degli amministratori e dai politici certo che no, e si fa fatica a pensare il contrario.
Dalla maggior parte degli operatori turistici (di tutte le categorie) certo che no, e lo si vede da come si comportano e da come lo usano solo per i loro personali interessi.

Ed allora “scoglio amato”: da pochi ponzesi, da pochi turisti, da pochi amministratori, da pochi politici e da pochi operatori turistici.
Troppo pochi per pensare che “l’amato scoglio” possa durare ancora a lungo.
D’altra parte l’amore è un sentimento quasi sempre impalpabile e poco si confà alla vita reale di ogni giorno.
Ma se l’amore non si concretizza in opere buone e costruttive proiettate al futuro, anche il poco amore dei pochi innamorati dell’amato scoglio rimarrà solo un sogno nel cassetto.
Innamorati, unitevi e uniamoci!

Silverio Guarino, ancora innamorato…

3 commenti per “Amato scoglio”. Scoglio amato: da chi?

  • Caro Silverio se sono pochi che amano “l’amato scoglio” di un amore incondizionato saresti in grado di nominarli uno ad uno?

  • Enzo Di Giovanni

    Caro Vincenzo, addirittura uno per uno, mi sembra esagerato!
    Parlando seriamente, raccolgo la tua provocazione: contiamoci. Che ogni aspirante amante si mostri, abbia il coraggio di dichiararsi pubblicamente, e dire, senza troppo pudore, cosa ha fatto, cosa fa, e cosa è disposto a fare per salvare la nostra comunità.
    Senza chiacchiere a vuoto, senza retorica politica speculare al potere fine a stesso.
    Chissà che non possa servire a capire le potenzialità reali che possediamo per opporci al disfacimento.
    E’ il momento giusto, visto che l’estate sta finendo: a te la palla!

  • Biagio Vitiello

    Mi permetto di dire che i primi a dirci qualcosa sull’amore che avrebbero dovuto / dovrebbero avere per l’isola, sono gli amministratori (passati, presenti e futuri); quelli che ci dovrebbero amministrare non per se stessi, ma per il “bene comune”.
    Io penso – e mi piacerebbe essere smentito – che da essi non avremo risposta alcuna, soprattutto da quelli che troviamo spesso presenti nelle liste.
    Questo dimostra che “il bene per Ponza” è solo un’utopia o è finalizzato agli interessi propri.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.