Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

c2-15 i-25 c-2-20 v1-18 s-_silverio_febbraio_1961 63

Era bella Teresa…

di Sandro Vitiello

.

Era bella con quella sua chioma di capelli rossi, un pochino ricci.
Era bella con quel suo sguardo intenso che ti entrava dentro, che cercava di farti capire che ascoltava tutto di quanto tu le raccontavi.


Quel suo parlare molto pacato che lasciava spazio al dubbio ma che riusciva a convincerti di quanto fosse importante la missione che lei, suo marito Gino Strada e tanti volontari di Emergency avevano deciso di condividere.
Era forte Teresa.
Aveva una grande forza che le permetteva di resistere alle mille tensioni a cui era sottoposta Emergency, risoluta nel condannare la guerra, qualsiasi guerra.
Perché di guerre buone non ce ne sono e perché le prime vittime della guerra sono sempre i più poveri.
Di resistere alla paura per quel suo marito sempre lontano, a salvare vite umane, troppo vicino ai campi di battaglia o alle periferie del mondo dove la vita di una persona vale poco.
Quella vita, qualsiasi essa fosse, che per lei era preziosa e uguale, per tutti gli uomini della terra.
Emergency non chiedeva e non chiede alle vittime delle guerre e della miseria umana “da che parte stai?”
Chiede solo “Posso fare qualcosa per te?”


Teresa faceva tutto quello che era necessario perché Emergency avesse le risorse per portare avanti il suo progetto.
Non si tirava mai indietro e se c’era da partecipare ad un evento che facesse conoscere ancora di più l’associazione lei era sempre disponibile.
Anche quando un brutto male aveva ormai inesorabilmente aggredito il suo corpo.
Il suo sguardo era diventato più dolce e le sue parole più sussurrate.
Ma le sue convinzioni rimanevano salde.

Dieci anni fa, oggi, ci lasciava Teresa Sarti.
E il suo ricordo ci appartiene.

1 commento per Era bella Teresa…

  • Emilio Iodice (in inglese, con traduzione)

    Lovely memoir of a great humanitarian. Thank you Sandro.
    Strada’s book, “Green Parrots: A War Surgeon’s Diary” is a dramatic work about the cruelty of war. It ends with the Declaration of Human Rights of the United Nations which is an expression of the way each person should treat another with respect and dignity. Teresa and Gino lived by these principles as examples for us all. God bless and help them as others follow in their footsteps.
    Emilio

    Traduzione (a cura della Redazione)
    Sentita rievocazione di grandi doti umane. Grazie Sandro.
    Il libro di Gino Strada: “Pappagalli verdi: Il diario di un chirurgo di guerra” è un drammatico reportage della crudeltà della guerra. Termina con la Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo formulata dalle Nazioni Unite che è l’espressione di come ogni persona dovrebbe trattare l’altra, con rispetto e dignità. Teresa e Gino hanno fatto propri questi principi come esempio per tutti noi. Dio li benedica e aiuti loro e quanti hanno seguito la loro strada.
    Emilio

Devi essere collegato per poter inserire un commento.