Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a4-35 bn2 d-03 Foto di gruppo ponza-cena-in-ristorante-a-sinistra-silverio-sandolo-detto-casciaforte-e-poi-altri-pescatori-ponzesi L'approdo romano presso Cala Inferno

Museooo…

di Francesco De Luca

.

Stamane con zi’ ‘Ntunino stavamo dalle parti del Museo, zona Centro storico. E’ venuto a vedere la Mostra delle Penolopi, ovvero gli oggetti creati dalle ponzesi. Fuori dall’orario canonico… perché? Perché lui, zi’ ‘Ntunino, alle dieci di sera non ce la fa… è tardi.

E comunque stamattina faceva un caldo che si squagliava e… infatti abbiamo visto scendere dalla Torre una coppia. La donna si parava con un ombrello da sole.

Abbiamo notato e commentato. Ma il commento più severo lo ha generato la visita ai locali museali. I quali, nella mancanza di cura, mostrano il loro degrado. Muffe ai muri, macchie nell’intonaco, incuria generalizzata.

Alle mie critiche ‘Ntunino ha risposto: – Tu non sai che l’ iter per i sovvenzionamenti al museo è lungo ed elaborato, e che comunque si è in attesa di dare esecuzione ai lavori per climatizzare i locali. I fondi sono stanziati e la gara d’appalto è prossima a concludersi.
Al che ho ribadito: – Ma sei sicuro di questo?

Certo – mi ha risposto – ho parlato col Sindaco che me l’ha confermato. Anzi, mi ha anticipato che nel prossimo Consiglio comunale saranno prese altre decisioni concernenti il Museo.

Io sono rimasto di sasso. Zi’ ‘Ntunino non scende dai Conti, quando scende lo fa in sordina eppure riesce a sapere notizie di prima mano e da fonte certa.
Mi ha risposto serafico: – Tu sei in zona ZetaPiEsse. Tu sei fuori circuito, e come tutti sei portato a concludere senza avere appurato i fatti inerenti. Che ci sia un certo affanno nell’Amministrazione è un dato di fatto ma che si sia fuori rotta è una impressione fuorviante.
L’estate ferve in ogni manifestazione e condiziona i giudizi. Anche quelli sull’Amministrazione,  che soffre i rallentamenti della burocrazia statale in tutti i settori.

Così mi ha zittito ‘Ntunino e io mogio mogio ho dirottato lo sguardo sulla signora con l’ombrellino parasole. Camminava adagio e si mostrava attenta al paesaggio.

C’u sole
C’u sole cucente
E chi vo’ fa’ niente…
E chi po’ fa’ niente..!

Immagine di copertina
Claude Monet, Donna con il parasole rivolta verso sinistra (Essai de figure en plein-air: Femme à l’ombrelle tournée vers la gauche), 1886, olio su tela, 131 x 88 cm. Parigi, musée d’Orsay

 

Devi essere collegato per poter inserire un commento.