- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

La poesia dialettale. Vita da pensionato

di Paolo Mennuni
[1]

.

A televisiona

Si m’assetto ’nnanz ’a televisiona,
i’ subbito m’addormo, a tutte ’ll’ore!
Sarrà ’sta cascetella allumenata,
ca te spara ’nu cuofano ’e cazzate!
E quanno, po’, me sceto ’mbessichiato
nun saccio niente… ma so arrepusato!

Pe’ tramente, se ne sarranno viste
sicuramente cose belle e triste!
Ma certamente, ’ncopp ’a ’sta durmosa
aggio fatto ’na durmuta gruliosa!

 

La televisione – Se mi siedo davanti al televisore / subito m’addormento, a tutte le ore! / Sarà questa cassetta illuminata, / che ti spara un sacco di stupidaggini! / Quando poi dopo mi sveglio assonnato / non so niente… ma sono riposato! / Nel frattempo, si saranno viste / sicuramente cose belle e tristi! / ma certamente, su questa poltrona / mi sono fatta una dormita lussuriosa!

[2]

’O penziunato

T’a aggio visto l’ato juorno
ca ggirave tuorno tuorno;
t’aggio visto stammatina,
assettato a ’na panchina.

Sempe a “ora ’e cavaliere”
vaie giranno p’o quartiere!
Vaje sbarianno ’e ciardinette,
pecché passano ’e sciacquette!
 

Chesta vita è ’nu taluorno
ca te struje juorno pe’ juorno!
Te si miro ’sta giacchetta
corta corta, stretta stretta!

’Nu cappiello ammappociato
’nu cazone arrepezzato!
Po’ t’accuonce chell’occhiale
pe’ te leggere ’o giurnale.
’Nu giurnale scuncicato
ca nimmanco l’haje accattato
Quaccheduno te l’ha dato,
o pe’ ’nterra l’haje truvato!

M’aggio ditto: “Ma ch’è stato,
ch’accussì si’ addeventato
Po’ me songo allicurdato
ca tu mò si’ penziunato!

 

Il pensionato – T’ho visto l’altro giorno / che giravi torno torno, / t’ho visto stamattina,/ seduto su di una panchina / Sempre a ora comoda / vai girando per il quartiere / Trovi sfogo ai giardinetti / perché passano le ragazzette //
Questa vita è un tormento infinito / che ti distrugge giorno per giorno / Ti sei messa questa giacchetta / corta corta, stretta stretta! / Un cappello maltrattato un pantalone rattoppato / Poi l’aggiusti quegli occhiali / per leggere il giornale. //
Un giornale spiegazzato / che nemmeno hai comperato / Qualcuno te l’ha dato, / o per terra l’hai trovato / Mi son detto: “Ma ch’è stato, / che così sei diventato?” / Poi mi sono ricordato/ che oramai tu sei pensionato! //

[3]