Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

g i-35 u-23 foto-13 v6-2 14-1

Le poesie dialettali. Ce sta Napule ’n cucina

di Paolo Mennuni

 .

Parole conosciute, assonanze e sapori evocati da una matrice culturale comune, nella “puisia” di Paolo

  

’O zuffritto

Si t’asiette pe’ magna’
quanta cose vuo’ pruva’?
Si quaccosa vaje truvanno
nun te fa’ piglia’ n’affanno:
’nce sta Napule ’n cucina,
ch’è ’na cosa sopraffina!
Chi se magna ’o baccalà,
chi se piglia ’nu babbà!
chi ’e spaghette co’ ’u rraù
e chi, inmece, ’nu sartù!
Chi se magna ’o call’ ’e trippa
po’ s’assetta e fumma ’a pippa!
Chi se magna ’na vraciola
cu ’o cuntorno de scarola!
Chi se magna ’e friarielle
chi addimanna ’e purpetielle!
 

Ce sta sempe chi se lagna
si nun trova la lasagna!
Panzarotti e palle ’e riso
e te siente ’mparaviso!
Quann’è Pasqua ’o casatiello
o ’e ppatane cu’ l’agnello!
Po’ ce steva ’o sanguinaccio
’a mustarda cu ’o migliaccio!
’Mmiez’ a tante cose belle
stanno pure ’e tracchiulelle.
A’ viggilia faje ’nu sfuorzo
cu ‘a `nzalata de rinforzo!
Po’ a Natale: ’o capitone,
cu’ o cefalo e’o limone!
Po’ ce stann’ ’e cervellate,
’e scarole ’mbuttunate!
Ficusecche e susamielle
annesetta cu’ a muschella!  

Friarielle strascenate,
purpetielle affucate!
Maruzzelle e capesante,
(m’e magnasse tutte quante!)
Po’ ce sta ’a ’mpepat’e cozze,
muzzarella in carrozza!
’A menesta inmaretata,
seccetelle ’mbuttunate e,
pe’ chi nu’ bada a spese,
totarielli alla caprese!
E si nun te piace, ’mmece,
cucuzziell’ a la scapece!
’E sciurilli cu’ ll
alici
(tutte quante so’ felici!)
Si quaccosa nun riesce
ce sta sempe ’o fritto ’e pesce
e, parlanno cu’ crianza,
ce sta ’o fritto de paranza!

Si cammini pe’ la via
truove tanta grazia
e Ddio!
Pe’ magnà ’na cosa ’e lusso
mascariello, ’o per’ e ’o musso!
Chi s’assetta ’mpizzo ’mpizzo
pe magna’ currenno ’a pizza!
Ce sta ’a pizza Margherita,
ca se magna cu ddoje dita;
ce sta ’a pizza marinara
e, poì, ’e spighe ’int’a caurara!

Quanno siente ’a panza chiena,
e cammine a malappena,
t’arrefrische c’ ’o mellone,
e ’a “zuffregna” cu’ ’o llimone!
Scinne ’o Borgo Marenaro
ca ce truove ll’ostrecaro!
Purpetielle a la Luciana,
parmiggiana ’e mulegnane!
Quanta cose bbuone e belle,
mustacciuole e sfogliatelle!  

Magna ’e struffoli e ’a croccante,
e te siente ’n’ati ttanto!
…Ma pe’ nuje ’nce sta ’na cosa
bella, rossa e assaje addirosa
che sta pronta e appriparata…
ma nun l’aggio annumenata!
…Ce assettammo zitte zitte
pe’ mmagnarce … ’stu zuffritto!


Il soffritto
– Se ti siedi per mangiare / quante cose vuoi provare?/ Se qualcosa stai cercando/ non ti far pigliar dall’affilino. / c’è Napoli in cucina, / ch’è una cosa sopraffina! / Chi si mangia il baccalà, / chi si piglia un babà / Chi gli spaghetti col ragù/ e chi, invece, un sartù! /Chi si mangia il callo di trippa / poi si siede e fuma la pipa / Chi si mangia le cime di rapa/ chi chiede i polipetti // Ci sta sempre chi si lagna / se non trova la lasagna! / Crocchette e supplì di riso / e ti senti in Paradiso/ Quando è Pasqua il casatiello / o le patate con l’agnello / Poi c’era il sanguinaccio, la mostarda col migliaccio / Tra le tante cose belle, / ci son le costine di maiale / Alla vigilia fai uno sforzo / con l’insalata di rinforzo / Per Natale il capitone, / con il cefalo e il limone! //
Poi ci son le salsicce, le scarole imbottite. / Fichi secchi e dolcetti al sesamo / anisetta con la mosca! / Cime di rape fritte/ e polipetti affogati! / Lumache e capesante / (le mangerai tutte quante) / Poi c’è l’impepata di cozze, / mozzarella in carrozza / La minestra maritata, / seppioline imbottite / e, per chi non bada a spese, / totanelli alla caprese! / se non ti piace, invece / zucchine alla scapece. / I fiori di zucca con le alici (tutti quanti son felici) / Se qualcosa non riesce, / ci sta sempre il fritto di pesce! / e, parlando con creanza, / c’è il fritto di paranza! //
Se cammini per la via / trovi tanta grazia di Dio / Per mangiare una cosa di lusso / mascarello, piede e muso / Chi si siede in punta in punta / per mangiar correndo la pizza / C’è la pizza Margherita / che si mangia con due dita, / c’è la pizza marinara / e poi, le spighe lesse! / Quando hai la pancia piena / e cammini a mala pena, / ti rinfreschi col melone, l’acqua ferrata col limone / Scendi al Borgo Marinaro / e ci trovi l’ostricaio! / Polipetti alla Luciana, / parmigiana di melanzane / Quante cose buone e belle, / mostaccioli e sfogliatelle! //
Mangia struffoli e croccante / e ti senti molto meglio. / Ma per noi c’è una cosa/ bella, rossa e assai odorosa / che è pronta e apparecchiata / ma non l’ho nominata! / …Ci sediamo zitti zitti / per mangiarci …’sto soffritto!

Devi essere collegato per poter inserire un commento.