Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a4-r vdp-03 c1-16 59 99a la-galite-ristorante-da-nicola

Le poesie dialettali. Di uccelli e altri animali

di Paolo Mennuni

 .

L’auciello schiattigliuso (’o miérolo) 

Ogne juorno ’n auciello schiattigliuso
vene a ’sta loggia pe’ truva’ quaccosa,
e nun se fa vede’, sempe annascuso;
ma i’ ll’aggio ’ncucciato a ’stu vuliuso!
’Ncopp’ a ’sta loggia, neh, che vene a fa’?
Vene pe’ cerca’ li vierme e a se ’ntufa’!

E scava ’int’o terreno e dint’e teste
e fuje quanno me vede p’a fenesta!
Marfuso zumpettea accà e allà e
’nzicco se ne vola a parte’e llà!
Currecurrenne scava sott’e rrose,
i’, cu’ pacienza, metto a posto’ ’e ccose!

E po’ va scacazzianno tuorno tuorno,
’st’auciello è veramente ’nu taluorno!
I’, cu’ ll’acqua, pulezzo ’sti riggiole
e me sento dint’e mmane ’ciccardiole!
E dico ca si ’o piglio ‘o faccio niro…
e lle faccio tira’ ll’urdemo respiro!

Ma chillo lèpeta, è ’nu scassamiento
e i’, marammé, nun pozzo truva’ abbiento,
Ma quanno, assera, saglie ’ncopp ’a antenna,
assignato, m’accosto sotto ’a tenna.
Isso a llà ’ncoppa se mette a canta’
e i’… m’assetto …p’o sèntere ’e sisca’!

 

L’uccello dispettoso (il merlo) – Ogni giorno un uccello dispettoso / viene su questa terrazza / a cercar qualcosa /e non si fa vedere, è sempre nascosto, / ma io l’ho sorpreso, quel goloso / Sulla terrazza, neh, che viene a fare: / Viene a cercare i vermi per abbuffarsi / E scava nel terreno e dentro i vasi / e fugge quando mi vede dalla finestra / Bizzoso saltella qua e là / e, improvvisamente, vola da un’altra parte / Velocemente scava sotto le rose…/…io con pazienza metto a pesto le cose! // E poi va sporcando in giro in giro / quest’uccello è veramente un tormento / Io con l’acqua lavo le mattonelle / e sento nelle dita i doloretti / E dico che se lo piglio lo faccio nero / e gli faccio tirare l’ultimo sospiro // Ma quello insiste, è insopportabile / ed io, povero me, non posso trovar pace! / Ma quando, a sera, sale sull’antenna, io guardingo m’accosto sotto la tenda. / Lui da lassù si mette a cantare/ e io… mi siedo… per sentirlo fischiare!

  

’O ciardino zoologgico

 

Dint’o parco pazzeano ’e piccerille
cu’ alifante, giraffe e coccodrille.
Mo’, tutte ’st’animale nun hanno fatto niente
ma stanno dinte, cumm’ ’e delinquente!

`E carcerati, però, p’e fa’ sbaria’
’na vota ’o juorno ’e ffanno passiggià!
Cheste, ’mmece, stanno sempe ’nzerrate
comme fusseno state condannate!

’Int’a ’na caravattola scura e piccerella
a ’n angulo steva ’na scignetella.
Sempe zitta, scurnosa e appecundruta
magnava poco, pareva addormuta.
’Nu pappavallo ch’a jette a truva’
cercaje ’e scetarla, ’nzomma, ’a fa’ parla’.

’A scigna rispunnette: “Amico bello…
tutt’a jurnata addereto a ’sti cancelle!
È overo, nun ce fanno fatica’
e pure ce portano ’o mmagna’!
Veco ca tutte se ponno spassa’,
a ’stu ciardino, e vanno accà e allà!
Ponno vede’ liuni e cincillà,
e tutte ’e specie ca ’nce stanno ’ccà!
Ma, allora, dico ca nun è normale
ch’ i’ aggia vede’ sempe… ’o stess’ animale!”

Il giardino zoologico – Nel parco giocano i bambini / tra elefanti, giraffe/ e coccodrilli / ora tutti queste bestie non hanno fatto niente / ma stanno dentro, come dei delinquenti / I carcerati, però, per farli sfogare / una volta al giorno li fanno passeggiare! / Queste, invece, stanno sempre chiuse / come se fossero state condannate! // In una gabbia scura e stretta / in un angolo c’era una scimmietta / Sempre zitta timida e triste / mangiava poco sembrava addormentata. // Un pappagallo che l’andò a trovare, / cercò di scuoterla / Insomma, di farla parlare. / La scimmia rispose. / “Amico bello… tutto il giorno dietro a queste sbarre…/ E’ vero, non ci fanno lavorare / e pure ci portano da mangiare / vedo che tutti si possono divertire, in questo giardino, / e vanno di qua e di là! / Possono vedere leoni e cincillà, / e tutte le specie che ci sono qua / Ma, allora, dico che non è normale / che io debba vedere / sempre… lo stesso animale!

Devi essere collegato per poter inserire un commento.