Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0008-008 d-01 gennaro-di-fazio l-06 103 Camera principale delle grotte di Pilato

Munnezza in comune

Poteva mai mancare Sang’ ‘i Retunne per l’occasione dei diecimila articoli?

.

Munnezza in comune
by Sang’ ’i  Retunne

Sang’ ’i  Retunne – Ueeee… Giggiiiiii! Tu stai cca?
Giggino – E ’u pape sta a Rome.

SR – Non ti sei fatto più vivo! Ma che fine hai fatto?
Gg – ’A fine l’avrai fatte tu cu’ tutt’ ’a razzaccia toia e ’i’ll’amici tuoie. È chiaro?

SR – Vedo che non sei cambiato. Le tue buone maniere non le hai perse. Qua giravano strane voci sulla tua assenza.
Gg – A sì? E che voci?

SR – Ca chisti cca t’hanno mise ’u tapp’ pe’ nun te fa’ parla’.
Gg – A chi? …a mme? Adda ’ngora nasce chille che me mett’ ’u tapp’ a mme. Tien’a’mmente: i’ attappo a tutt’ quante e ’nda tutt’ i ppertòse. È chiaro?

SR – Sarà pure come dici tu… ma intanto ti hanno azzittito.
Gg – Secondo te!? ’Uagliò i’ lavoro a ’ppe’ssotte! Faccio un lavoraggio scienzifico. E po’… pecché me tenessene fa’ sta’ zitte? Diceme a me!

SR – E me lo chiedi? Dici solo cattiverie, sei sempre incazzato nero, non hai mai una parola buona per chi sta in difficoltà, ti comporti male con i nostri ospiti che consideri merce da sfruttare e…
Gg – …E bastaaa! ’I quanti cazze! Prefesso’, chesta è ’uallera! È tutta ’nvidia e gielusia. Cca nisciune è chiù meglie ’i me. Io so chiù meglie assaie ’i tutt’ quante! È chiaro?

SR – Giggi’, questo lo dici tu. La gente è stufa delle cattiverie tue e dei tuoi amici. È ora di finirla. È ora che vi dedichiate anche alla cultura, non solo agli interessi.
Gg – A sì? Sai quante ce ne fott’ a’ ggente d’u libbre ’i Francische e d’a puisia ’i Nicola?  Cca ce vonn’ i fatte. A’ ggente ’nderèssen’ i corne ’i màmmete e i cazz’i sòrete! Addo’ vaie cu’ ’sti strunzate rosse e verde, longhe ’na quaresema che ammosciano i ffiche ’ngopp’ i ppiante e i ’uallere d’i punzise verace?

SR – Che vuoi insinuare? …che la cultura del nostro sito non è apprezzata?
Gg – ’Uagliò, a curtura du zite ’i mamméte nunn’ agghiench’ ’a panza, è chiaro? Ce vonne i fatte.

SR – Più fatti di così? Siamo arrivati a 10mila articoli pubblicati!
GgAzz! …Diecemilaaa! Ah! Perciò ’a gente sta accussì ’ndrunata! Site state vuie! L’avite addubbecate ’i strunzate e mo chiste nun sanne chiù manche comme se chiammene.

SR –  Giggi’, ma è mai possibile che non riesci a vedere più in là del tuo naso? Hai raggiunto un livello di imbarbarimento senza precedenti. Il sito è letto ed i tantissimi articoli pubblicati ne sono la prova.
Gg – Cheste so’ chiacchiere. Puòrteme i fatti! Presempio: quanto aveto guadambiato?

SR – E ti pareva che non finivi sugli interessi economici!? La cultura è anche questo: informare e dare agli altri senza ricevere denaro. Questa è la civiltà.
Gg – Uvvì? ’Uagliò, senza sorde nun se canteno messe… E senza messe nun se fanne i fatti!  

SR – Allora sai che ti dico? I fatti li facevano quelli di prima che tu criticavi, no questi di adesso che sono tutti amici tuoi!
Gg – Ueee… Ammice a chiii? I’ chiamme papà a chi me dà a mangia’! È chiaro?

SR – In altri tempi cu’ tutta ’sta ’mmunnezza in giro avresti fatto scendere Cristo dalla croce. E mo? Zitto e mosca!
Gg – ’Uaglio’, apprimm’ ’a ’mmunnezza steve sule ’ngopp’ ’u comune, mo sta spalmate pe’ tutte parte. Munnezza in comune… mezz’allegria.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.