Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-09 mdp e-66 17 Probabile Didemnum tunicato incrostante Spugne all'interno della grotta

’E penziere miei

di Paolo Mennuni

 .

’E penziere

Vene ll’esta’ ma chiove,
schizzechéa!
A terra, arsa p’o sole,
s’arrecrea!
Guardo ’o cielo
Scuro, ’e nnuvole nere
e dint’ ’a capa girano ’e penzieri!
 

Penzieri tristi,
cose ’e giuventù,
amice e cose ca nun stanno cchiù!
’N’auciello speruto
passa vulanno,
forze ’e cumpagne suoie
starrà cercanno.

Pure ’e penzieri mie
s’encutrarranno
l’uno cu’ ll’ato
e po’ se strujarranno.
’E penzieri passano comm’aucielle

e din’ ’a capa s’annuvola ’o cerviello.
Dint’ ’a capa quaccosa zunzuléa!
Torn’ ’o sole
…è sulo ’na peléa!
 

I pensieri – Viene l’estate ma piove, pioviggina / La terra riarsa dal sole/ si bea / Guardo: cielo scuro / di nuvole nere / e nella testa / s’agitano i pensieri. Pensieri tristi / cose di gioventù, / amici e cose che non sono più. / Un uccello smarrito / passa volando, / forse i compagni suoi / sta cercando. Anche miei pensieri / s’incontreranno/ l’uno con l’altro/ e poi si distruggeranno / I pensieri passano/ come uccelli / e nella testa / s’annuvola il cervello. / Nella testa / qualcosa ronza / Torna il sole/ …è solo una sciocchezza!

 

’E recchie

’Na dottoressa m’ha spilato ’e recchie,
m’ha luato ’na mappata ’e sivo,
e doppo l’ha jettata dint ’o sicchio!
I’, primma, da ’sti recchie nun sentivo,

mo, pure si nun parle, te capisco!
’A verità, ogge nun è comm’ ajere
e si pe’ di’ ’na cosa faje ’nu sisco
i’ sento tutto, …pure li penziere!
  

Le orecchie – Una dottoressa m’ha sturato le orecchie, / e m’ha tolto un grumo di sego, / e poi l’ha gettato dentro a un secchio; / prima, da queste orecchie non sentivo / ora, pur se non parli ti capisco / In verità, oggi non è come ieri/ e se per dir una cosa fai un fischio / io sento tutto …. Pure i pensieri!

  

’O rilorgio

Tenevo ’nu rilorgio bell’assaje
che cammenava e ’n se fermava maje!
Signava tutte ll’ore juorno e notte

signava chell’ ’e sotto e chell’ ’e coppa!
Signava ’e ddiece, mmiezo juorno e ll’una,
signava ll’ore bbelle d’a furtuna

Mo, ’mmece, ’stu rilorgio s’è fermato,
(forze quacche rutella s’è scassata!)

Ma comme s’è scassato, va’ a ssape’,
nun segna manco l’otto, ’e nove o ’e tre!
Nisciuno rilorgiaro ’o po’ accuncia’
e ’sti lancette stanno sempe llà!
Primma ereno ’e sei tutt’e ’mmatine,
mo,’mmece, ’stu rilorgio che cumbina?
Pure si mo ’na femmena fa ’a zeza
te segna sulamente ’e sei e meza!

L’orologio – Avevo un orologio molto bello / che camminava e non si fermava mai / Segnava tutte lore giorno e notte / segnava quelle di sotto e quelle di sopra / Segnava le dieci, mezzogiorno e l’una, / segnava le ore belle della fortuna. /Ora, invece, st’orologio sè fermato / forse qualche rotella s’è scassata // Ma come si è scassato vai a sapere, / non segna neanche le otto, le nove e le tre / Nessun orologiaio lo può aggiustare / e queste lancette stanno sempre là /, prima erano le sei ogni mattina/ ora, invece, quest’orologio che combina? / Ora anche se una donna fa la vezzosa / ti segna solamente… le sei e mezza!

Nota
Tutte le immagini di Folon, tranne l’ultima

Devi essere collegato per poter inserire un commento.