Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

banchina-nuova-2 sn v4-1 v6-1 Probabile Didemnum tunicato incrostante Colonie di Astroides calycularis

L’isola chianella. La visita

di Paolo Mennuni

 .

’A chianella

Chell’isola sulagna, a me me pare,
…’na chiallella, scurdata ’mmiez’o mare!

’A scarpa ’e ’nu giacante ’nzallanuto
ca, nun se sa pecché, se n’è fujuto!

currenno p’o gurfo senza quàteno,
comm’ ’a paranza c’a rezza a stràceno!

E quanno po’ me fermo p’a guarda’
m’addimanno: “Chell’ata… addo’ starrà?”

La ciabatta – Quell’isola solitaria, mi sembra, / una ciabatta in mezzo mare! / La scarpa di un gigante scimunito / che, non si sa perché, è fuggito / correndo per il golfo senza meta / come la paranza… con la rete a strascico! / E quando poi mi fermo per guardarla/ mi chiedo: “Quell’altra, dove sarà?”

’A visita

Egreggio e stimatissimo dottore,
tenevo, addreto ’e rine, ’nu dulore!
Però, facenno ll’esercizio mesurato,
mo ’stu dulore pure m’è passato!

Po’, dottore, parlanno cu’ crianza,
tenevo pure ’n ’atu tanto ’e panza!
Ma po’, magnanno poco e cu’ ’na dieta,
pure ’sta panza, ’nfine, se n’è scesa!

Cuntrollo ’o peso ncopp’ a ’na valanza
che sta vicino ’o lietto dint’ ’a stanza;
po’ vaco sempe pede catapede,
nun piglio ’o trammo, e ’a ggente nunn’o crede!

Ne faccio sacrifizi, ’n verità,
schitto ’na cosa nun pozzo cuntrolla’:
ll’anne! Cresceno sempe, juorno juorno!
Dottore mio, è proprio ’nu taluorno!

Caro signore, nun c’è niente ’a fa’
quanno s’adda cumbatte cu’ ll’aità!
…Sono cinquanta, chiù trenta pe’ ll’urgenza!
…e pe’ rezetta… ’nu tummolo ’e pacienza!

Dotto’ scusate: si cura nun ce n’è
’sta visita l’aggia pava’, …pecché?
Pe’ te ’mpara’ che tu nun hai ’a scoccia’ ’a ggente!
Cca tutte cumbattimmo cu’ ll’aità!
 

La visita – Egregio e stimatissimo dottore, / avevo, dietro ai reni, un dolore / però, facendo l’esercizio appropriato / ora questo dolore m’è passato / poi, Dottore, parlando con creanza, / avevo pure un bel po’ di pancia! / Ma poi; mangiando poco e con la dieta/ anche ’sta pancia , alla fine è diminuita! / Controllo sempre il peso sulla bilancia / che sta vicino al letto nella stanza, / poi vado sempre a piedi / non prendo il tram, e la gente non lo crede. / Ne faccio sacrifici, in verità, / solo una cosa non posso controllare: / gli anni! Crescono sempre giorno per giorno! / …Dottore è proprio un tormento! // Caro signore, non c’è niente da fare/ quando si combatte con l’età!/ Sono cinquanta.., più trenta per l’urgenza / …E per ricetta… un sacco di pazienza! //
Dottore, scusate: se cura non c’è/ questa visita la devo pagare, …perché? / Per insegnarti che non devi scocciare/ la gente! …Qui tutti combattiamo con l’età!

Devi essere collegato per poter inserire un commento.