Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0008-008 i-26 28-07-2005-0-18-15_0000 fg v4-3 46

La quercia. La fontana. Altre due poesie dialettali

di Paolo Mennuni

.

’A cerza ’nfrunnata

Dint’a ’na campagna
sperduta e abbandunata,
pe’ mme voglio truva’
’na cerza ’nfrunnata.

Po’, stiso sott’a chelli fronne
voglio passa’,
tutto quanto ’o tiempo
e ’o sole ’e ll’esta’!

E pe’ quanno ’nfoca
’a calandrella
me porto l’acqua fresca
cu ’a langella!

E ’a sotto
a ’sta chianta sulagna
voglio guarda’
a’ campagna;

e voglio sentere,
chiano chiano,
’e vvoci d’a campagna
che venono
’a luntano!

E accussì
voglio vede’
e culure
e voglio sentere
ll’addure!

’O culore
e l’addore
d’o grano verde
e d’o grano d’oro!

’O grano verde
quann’o viento
’o ffa fruscia’,
’o grano d’oro
quanno s’adda
trebbia’!

Voglio sentere
’e cicale ’e canta’,
voglio sentere e ciucce
’e raglia’!

’A notte voglio cunta’
’e stelle,
’ntramente ca cantano
ll’arille!

’O struscio
d’e ppecure ca passano,
’o scavallia’ d’e mmule
e d’e cavalle;
e ’na campana
luntana..!

E allora,
sott’a ’sta chianta sulagna
i’ voglio assapura’
’o silenzio
d’a campagna!

Ma mo’ passa
’na machina, ’nu camio
o ’nu trattore
e dint’a ’sta campagna

rummane sulo
’o rummore!

La quercia frondosa – In una campagna / sperduta ed abbandonata / Per me devo trovare / una bella quercia / frondosa.// Poi, sdraiato sotto quelle fronde / voglio passare / tutto il tempo ed il sole dell’estate / e da sotto a questa pianta solitaria / voglio guardare la campagna / E, per quando aumenta la calura / mi porto l’acqua fresca nell’orcio! / E da sotto a questa pianta solitaria / voglio guardare / la campagna / Voglio ascoltare piano piano / le voci della campagna che vengono da lontano / E così voglio vedere i colori / e voglio sentire gli odori / Il colore del grano verde / e del grano d’oro! / del grano verde / quando il vento lo fa stormire, / del grano d’oro quando si deve trebbiare / Voglio sentire le cicale cantare; / voglio sentire gli asini ragliare. / La notte voglio contare le stelle / mentre cantano i grilli / il calpestio / delle pecore che passano / lo scalpitare dei muli e dei cavalli / una campana lontana / ed allora sotto questa pianta solitaria / io voglio assaporare il silenzio / della campagna / Passa /un’automobile, un camion o un trattone / e nella campagna… resta solo il rumore!

 

A funtana d’o vico e Ffiurentine

Tant’anne fa,
a tiempe assaje luntane,  
a ’o vico ’e Ffiurentine
’nce steva ’na funtana.

Sott’o muro
d’a Chiesa ’e San Francesco,
’sta funtana
menava ll’acqua fresca.

I’, sott’o sole,
’mmiezo ’e ’sta sagliuta,
dint’ ’e mmane,
facevo ’na bevuta!

Ma ’o vico ’e Ffiurentine,
si ’nce jate,
chella funtana,
mo, nun ’a truvate!

Pecché chella funtana
è comm’a giuventù
quanno se cerca…
nun se trova cchiù

La fontana del vicolo delle Fiorentine – Tanti anni fa / un tempo assai lontano, / al vicolo delle Fiorentine/ c’era una fontana. / Sotto il muro / della Chiesa di San Francesco / questa fontana / gettava acqua fresca. / Io, sotto al sole, / in mezzo di quella salita, / tra le mani facevo una bevuta / Ma al vicolo delle Fiorentine, / se ci andate, / quella fontana/ ora non la trovate. / Perché quella fontana / è come la gioventù. / Quando si cerca… / non si trova più.

Nota della Redazione
Per le altre poesia di Paolo, accedi all’Indice per Autore, in Frontespizio, per cognome: Mennuni

 

Devi essere collegato per poter inserire un commento.