- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

Stanotte “l’entratura” di San Silverio

a cura della Redazione
[1]

.

Non c’è ponzese degno di tale nome che questa sera, a qualunque latitudine si trovi, non rivolga il pensiero a San Silverio e alla cerimonia dell’Entratura che dopo la mezzanotte darà il via agli annuali festeggiamenti in Suo onore: fortunati quanti potranno partecipare di persona. Per l’occasione Dante Taddia, che sta parecchio lontano, romano ma ponzese d’adozione, ha tirato fuori dal cassetto una poesia a metà tra il romanesco e il ponzese (con beneficio d’inventario) composta nel lontano giugno 2005. In essa l’immagine del nostro Patrono è descritta in termini alquanto familiari… e umani, ma sempre con grande tenerezza e devozione.
Ci è sembrato coerente pubblicarla proprio oggi in omaggio al nostro Santo, per l’apertura delle celebrazioni 2019 in Suo onore (le foto mostrano l’evento del 2017, con la luna piena).

[2]

San Silverio

Me lo dici che po’ avecce
er patrono San Sirverio
che te smove monti e brecce,
er ddilinguente e l’omo serio?

Da ’gni parte er venti ggiugno,
caschi puro er monno sano
j’hai da fa vedette ’n grugno
anche si nun sei isolano?

Questo è ’r bello dde ’sto Santo!
Nun è ssolo dd’i ponzesi,
che l’invocheno cor canto
si dd’a strizza ce so’ presi,

nun è offesa, Ddio ce scampi;
ma chi mette piede a Ponza
e ppe’ ’ggnuno, ’n vari campi,
er santo nome ’n testa  ronza.

Me l’ho chiesta spiegazzione
all’amico mio der core:
Nun è ssule ’a devozzione
ca fa tutte frate e sore

Isse, è ’n omme ch’a sufferte
famme, fridde, caute e ssete,
se magnaije viermi e lacèrte
ma nun vacantajie ’a fede”.

“Sì, d’accordo, ma  era ’n Santo,
mica arende se poteva:
sempre Papa, e  ppoi ’gni tanto
li miracoli faceva… ”.

Ma che c… vajie dicenne,
isse,  omme è sempre state,,
’n copp’a varche assajie suffrenne
a Palmarole hanne purtate”.

“Ssìii, mo’ dichi ’n bbarca annava
e che ’‘r mare lo soffriva,
ma da Papa se portava
e quer disturbo nun pativa”.

U Sante nuoste veneramme,
e t’agge ditte nun ’mbrugliava
pecch’ è ’n omme, e nnuj ’u stimamme:
Mal’i mare? E… vummecàva!”

 

[3]