Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

l-06_0 mdp p-18-3di4 k2-11 ponza-cena-in-ristorante-a-sinistra-silverio-sandolo-detto-casciaforte-e-poi-altri-pescatori-ponzesi 79

Stanotte “l’entratura” di San Silverio

a cura della Redazione

.

Non c’è ponzese degno di tale nome che questa sera, a qualunque latitudine si trovi, non rivolga il pensiero a San Silverio e alla cerimonia dell’Entratura che dopo la mezzanotte darà il via agli annuali festeggiamenti in Suo onore: fortunati quanti potranno partecipare di persona. Per l’occasione Dante Taddia, che sta parecchio lontano, romano ma ponzese d’adozione, ha tirato fuori dal cassetto una poesia a metà tra il romanesco e il ponzese (con beneficio d’inventario) composta nel lontano giugno 2005. In essa l’immagine del nostro Patrono è descritta in termini alquanto familiari… e umani, ma sempre con grande tenerezza e devozione.
Ci è sembrato coerente pubblicarla proprio oggi in omaggio al nostro Santo, per l’apertura delle celebrazioni 2019 in Suo onore (le foto mostrano l’evento del 2017, con la luna piena).

San Silverio

Me lo dici che po’ avecce
er patrono San Sirverio
che te smove monti e brecce,
er ddilinguente e l’omo serio?

Da ’gni parte er venti ggiugno,
caschi puro er monno sano
j’hai da fa vedette ’n grugno
anche si nun sei isolano?

Questo è ’r bello dde ’sto Santo!
Nun è ssolo dd’i ponzesi,
che l’invocheno cor canto
si dd’a strizza ce so’ presi,

nun è offesa, Ddio ce scampi;
ma chi mette piede a Ponza
e ppe’ ’ggnuno, ’n vari campi,
er santo nome ’n testa  ronza.

Me l’ho chiesta spiegazzione
all’amico mio der core:
Nun è ssule ’a devozzione
ca fa tutte frate e sore

Isse, è ’n omme ch’a sufferte
famme, fridde, caute e ssete,
se magnaije viermi e lacèrte
ma nun vacantajie ’a fede”.

“Sì, d’accordo, ma  era ’n Santo,
mica arende se poteva:
sempre Papa, e  ppoi ’gni tanto
li miracoli faceva… ”.

Ma che c… vajie dicenne,
isse,  omme è sempre state,,
’n copp’a varche assajie suffrenne
a Palmarole hanne purtate”.

“Ssìii, mo’ dichi ’n bbarca annava
e che ’‘r mare lo soffriva,
ma da Papa se portava
e quer disturbo nun pativa”.

U Sante nuoste veneramme,
e t’agge ditte nun ’mbrugliava
pecch’ è ’n omme, e nnuj ’u stimamme:
Mal’i mare? E… vummecàva!”

 

1 commento per Stanotte “l’entratura” di San Silverio

  • Francesco De Luca

    Ponza, Santa Maria, giorno 9 giugno, ore 24,00

    Sul pianerottolo ci sono la nipote Oriana e zi’ Nannina:
    Pure chist’anno ’u vecchiariello nuosto è sbarcato ind’a marina…
    pot’esse ca ce porta ’nu poco ’i sistemazzione …
    Cca stamme
    comme chillo ca se mantene ’u cazone…
    N’atu poco remmanimmo in mutande…
    alluccammo alluccammo
    ma sempe a vacante.

    La nipote Oriana: Nun alluccà… canta ll’inno comme vo’ ’a devozzione.
    Zì Nannina: Il cielo ti destina
    A vigilar su noi
    Per noi molto far puoi
    Con ogni vento

    A zi’, che dice… – interviene Oriana – in ogni evento… cioè sempe… san Sirverio ci è d’aiuto…
    Zì Nannina: – E ie ch’aggia ditto..? Molto far puoi cu’ tutt’i tiempe….
    – Sì… sì – la nipote – mo san Sirverio fa pure ’u meteorologo.
    Oria’ – la zia – ’u vecchiariello nuosto fa tutte cose. Si ce mette ’a mano isso… ’i cose s’acconceno…
    Ammenn

Devi essere collegato per poter inserire un commento.