Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 h-12 v4-5 ss09 06 corrida2

In ascolto

di Francesco De Luca

.

Chi non sa cosa dire, ascolta. Questo è consigliato dai saggi per chi non ha argomenti di discussione. Si ascolta per apprendere gli argomenti, farsi un’idea della tematica di cui si sta discutendo. Si ascolta e si osserva. Si osserva e si elaborano giudizi.

A Ponza mi pare che questo sia l’atteggiamento dominante. Sottolineo mi pare, giacché non ho la presunzione di parlare per tutti, ma è palpabile che tra i paesani ci sia un’aria di attesa.

In parte potrebbe essere indotta dall’imminenza della festività di san Silverio e, più in generale, dalla vicinanza dell’estate: la stagione dell’anno più gradita e più remunerativa.

Ci vorrebbe la compagnia di zi’ ’Ntunino, mi avrebbe tratto d’impaccio con una domanda diretta, come è solito fare. Tipo: ma questa Amministrazione ha un suo volto?
Non che non abbia presentato immagini di sé, anzi, ne ha mostrato tante e anche di diversi colori. Volti singoli, con singole responsabilità e funzioni. C’è da spettarsi che ognuno di questi volti abbia il suo orticello e se lo curi a modo suo?

Beh, non era questo che ci si sarebbe atteso e non è questo che si attende.

Sarò chiaro, le aspettative riguardano l’attuale maggioranza amministrativa, perché dell’opposizione già abbiamo conosciuto la pochezza morale e le logiche di spartizione. Ed è da queste premesse che ci si permette di chiedere che quel male deve rimanere lontano da questa compagine amministrativa. Guai a sentirsi legittimati a procedere con spavalderia. Lo spirito di servizio deve muovere il mandato politico. Dico deve ma correggo: lo suggerisco, come ogni ponzese che ha votato questa Amministrazione sperando nel meglio per sé, per gli altri, per l’isola.

Non costa niente, lo so, invitare a compattare le volontà, a integrare gli sforzi, non costa niente a chi, dall’esterno, guarda il procedere delle cose e aspetta che le sue speranze diventino concrete in ordinanze, delibere, determine. Ma cos’altro può fare il cittadino se non essere rassicurato che si è fuori dalle logiche delle spartizioni economiche, degli imbrogli sottobanco, dei ricatti? Sono pratiche che sono state attuate nell’amministrazione della nostra isola, e alle quali ci si è ribellati. Per instaurare un clima di collaborazione solidale.

Siamo tutti in attesa. Si attende e si ascolta.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.