Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-19_12-33-04 i-03-bis u-14 100 30 corrida

Hanno visto ’u munaciello

di Francesco De Luca

.

C’è un irresistibile ritorno al passato. Perché la realtà del presente non è appagante. Anzi, la realtà sociale in cui si è inseriti è lacerata da dissidi e da contrasti esacerbanti, e le raffigurazioni dell’esistenza del tempo andato sembrano dare quiete. Anche se in esse comparivano presenze senza volto, ombrose, notturne.
’U munaciello
è una di queste. Furtivo, non nocivo, umbratile e devoto. Oggi ritorna. Perché i tempi sono corrotti da false credenze, da sciocche attese, da improvvide superiorità. In questo brodo malsano di credulità bivacca ’u munaciello.

Passa ’u munaciello

È passato n’ata vota ’u munaciello,
teneva andore ’i ghianeste e ’i cetratella,
rose ’i campo e acqua ’i mare.
’Ncopp’u muolo s’è ’nsevato ’i lische ’i pesce:
saure, sarde e alice fresche.
Cantava ’a canzone d’a figliola ’ncerca ’i marito:
’u vo’ giovane, forte e culurito,
s’adda chiamma’ Ammore,
e a i paisane ’i chistu scoglio porta onore.
’U munaciello passa p’a curteglia
n’aggia sentuto ’u ciato, e nun me sbaglio.
Vulesse ’u cielo ca purtasse a bona ciorta
e salute,
salute, salute a sporte.

 

Questa la versione recitata:

Devi essere collegato per poter inserire un commento.