- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

L’aità c’è, ’a malatìa pure, ma… i’ voglio campa’ cient’anne

di Paolo Mennuni

 .

Ll’aità!

Quant’anne tengo?
…Nun l’aggio cuntate!
Pecché so’ assaje
…e so’ sempe aumentate!

Si ’e voglio cunta’
me pozzo sbaglia’
E, allora, nun cunto,
e …nun saccio ll’aità!

Si campo, so’ pochi,
si moro ….. so’ assaje!
Quant’anne tengo?
…Nun ’e cunto maje!

L’età – Quant’anni ho? / …Non li ho contati / Perché son tanti / …e son sempre aumentati! / Se li voglio contare /…mi posso sbagliare / e, allora, non conto / e… non so l’età! / Se campo son pochi, / se muoio… son troppi. / Quant’anni h? / Non li conto mai!

[1]

’E panne  

Cierti malatie so’ cumm’ ’e panne:
t’e miette ’ncuollo e ’e puorte pe’ cient’anne!

Si puorte ’na giacchetta o ’na cammisa,
’a gente vede chello che t’aje miso!
Ma quanno tu te miette ’o cazunetto
Nisciuno po’ vede’ si è largo o è stretto!

Allora, si tu tiene ’nu scartiello
’a gente vede e dice: “Puveriello!”
Ma si ’stu male ’o tiene dint’ ’e vene
’a gente dice ca: “…te vede bene!”
E ’nzomma, si ’na cosa ’a tiene ’n cuorpo,
t’o scinne sulo sulo… chistu purpo!

I panni. Alcune malattie son come i panni. / le indossi e te le porti per centanni! / Se indossi una giacca o una camicia,/ la gente vede quello che hai messo! / Ma quando t’infili le mutande / nessuno può veder se è larga o stretta! / Allora se tu hai una gobba! / La gente vede e dice: “Poveretto!” / Ma se il male ce l’hai nelle vene / la gente dice che: “…ti vede bene!” / Insomma, se una cosa ce l’hai dentro, / lo devi ingoiare da solo, questo polpo!

 

Voglio campa’ cient’anne!

N’copp’o giurnale è asciuta ’na nutizia
ca pare, overamente, ’na primizia:
dice ca può campa’ ’nfin ’a cient’anne
cujetamente, allascato e senz’affanno!

Allora, aggio penzato: “Pur’i’ voglio pruva’,
’sta cura ca chiù assaje te fa’ campa’!”
Voglio campa’ cient’anne! Ma pecché?
Tiene pacienza e t’o faccio sape’!

Cient’anne pe’ vede’ si ’o munno cagna,
si ’a gente sta cuntenta o si se lagna!
Voglio vede’ si ’a vita è fantastica,
o si ’sto munno s’è fatto ’e plastica!

Voglio campa’ cient’anne – mo che saccio -,
pe’ ghji a vede’ si s’è squagliato ’o ghiaccio!
Cient’anne pe’ vede’ si ’a vita è tosta
e pe’ sape’ si ’sta penziona abbasta!

Voglio campa’ cient’anne p’appura’
si ce lassano ancora ’a libbertà!
Cient’anne pe’ vedé si aggio ’a furtuna
e farme ’nu viaggetto ’ncopp’a luna!

Cient’anne pe’ girarme tuorno tuorno,
pe’ capi’ si ’nce sta ancora ’o scuorno!
Me servono cient’anne pe’ sape’
che faciarraggio nel duemilatrentatré!

Cent’anne pe’ dispiette a chi dich’i’,
scrivenno… ’na caterbia ’e puisie!

Voglio campare cent’anni. Sul giornale è uscita una notizia / che sembra, veramente una primizia: / dice che puoi campar fino a cent’anni / tranquillamente, rilassato e senz’affanno! / Allora, ho pensato: “Pure io voglio provare / questa cura che più a lungo ti fa campare!” / Voglio campar cent’anni!/ Dici: “Perché?” / Se hai pazienza te lo farò sapere! / Cent’anni per vedere se il mondo cambia, / se la gente è contenta o se si lagna! / Voglio veder la vita se è fantastica / ovvero, se il mondo/ è fatto di plastica! / Voglio campar cent’anni per appurare / se ci lasciano ancor la libertà! / Voglio campar cent’anni, che so, / per andar a veder se s’è fuso il ghiaccio! / Cent’anni per veder se la vita è tosta / e per sapere se questa pensione mi basta! / Cent’anni per vedere se ho la fortuna / di farmi un viaggetto sulla luna! / Cent’anni per girarmi tutt’attorno / per capire se c’è ancor la vergogna! / Mi servono cent’anni per sapere / che farò nel duemila trentatré! / Cent’anni per dispetto a chi dico io / scrivendo… una caterva di poesie!