- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

Dint’ ’o spitale (ovvero: Ricoverato con urgenza)

Condividi questo articolo
[1]

di Paolo Mennuni
[2]

.

Dint’ ’o spitale (ovvero: Ricoverato con urgenza)

’O tiempo passa, è comm’ a ’na parola,
quann’ i’ era piccerillo i’ jev’ a’ scola,
mo’ ca so’ vicchiariello – è un po’ banale –
frequento assaje chiù spisso… lo spitale!
’O fatto nun è bello, ’a verità,
ma è necessario… e allora s’adda fa’!
Inizia in questo modo la “diggenza”
’e chi è… ricoverato con urgenza!

Te miette dritto stiso ’int’ a ’nu lietto
speranno de pute’ truva’ ricietto;
ma ’a vita d’o malato è cosa dura
pure si ’nc’è ’a speranza de ’na cura!

Ma ’a cura è longa e nun fernesce maje:
miedece e mmedicine fanno guaje!
Però rummane sempe la speranza
ch’ ’a scienzia, a poco a poco, pure avanza!

Mo ’sti duttori teneno ’a pacienzia
e curano cu’ scienzia e cu’ cuscienzia!
Te diceno: “Staje bbuono, staje tranquillo:
sinò te vene pure ’nu sturzillo!
’Nu pinnolo haje ’a piglia’ matina e sera,
a l’ora ca te dice ’a spitalera!”
E mo ’a pressione, ’o termommetro e ’a CiGì
e po’ a pruvetta pe’ te fa’ fa’ pipì!

E quanno t’hanno visto dint’ e fora,
e pienze ’e arrepusarte a la cuntrora,
arriva ’a spitalera ca fa ’o lietto
e manco chesta vota t’arriciette!
Dint’ ’o spitale ’nc’è ’na specialità:
quanno t’adduorme… te veneno a sceta’!
Mo ’na pastiglia, e doppo ’n’iniezione,
e nott’ e juorno… è ’na continuazione!

Pe’ fa’ ’nu sciacquo arriv’ ’o spitaliere
e doppo torna pe’ te fa’ ’o clistere!
Cierti vote pare ch’o fann’ apposta:
all’antrasatta… te danno ’na supposta!

Dint’ ’o spitale, po’, ’nce sta l’usanza
’e traspurta’ la gente in ambulanza;
e pur’e notte, cu’ la luna chiena,
te sonano ’o silenzio… cu’ ’a sirena

’A gente è tutta quanta appecundruta
sentono che ’a salute se n’è gghiuta!
Nisciuno parla, quaccheduno smania,
quacc’ato allucca: “Parlo con Catania?”

Cierto, cu’ ’sti telefonini attuorno attorno,
juorno e notte, è prote ’nu taluorno!
Nun c’è rimedio pe’ n’è ffa suna’:
preghi ’a Madonna si ’e po’ fa scassa’!

Vicino ’a stanza, addò steva ’o lietto mio,
’nce sta ’na statua ’e santo Padre Pio;
ma l’hanno fatto santo e nun fa grazzie
e lassa tutte quante dint’ ’o strazzio!

’O trattamient’ è tutto di rispetto:
comm’ a ’n albergo: …cu ’a marenn’a letto!
’A matina te danno ’o diggiuné,
biscotti, mamellata e… caffe-o-lé!

’A sera, ’nvece, te danno ’o consommé
Cu’ ’na salade. E chi sta meglio ’e te?!
’O pranzo, po’, è variato e stimolante
Ca te pare ’e sta prote ’o ristorante!

Pastina in brodo con pulé-rotì
Pomme-sciuffé, creppese e supplì
Ma però, a magna’ buono po’ fa male
E allora… tutte cose senza sale!

’Nfine, arriva il giorno del commiato:
’ncopp’ a ’na carta sta: “dimissionato”!
Saluti a tutto quant’ ’o personale
Dicenno ca te siente: “nun c’è male!”
Ma si po’, ’o juorno della dismissione
Pe’ l’emozione vai ’n fibbrillazzione.
Allora te rumane n’ata via:
…Te lieggi n’ata vota ’sta poesia!

Pecch’, haja da sape’: dint’ ’o spitale
’a vita è sempe ’a stessa: tale e quale!
A miedeci e ’fermieri cerco scusa
Se della lor pacienza qui si abbusa!

Pecché, co’ quacche verso traballante
Voglio dicere: “Grazzie a tutte quante!”
A vuje, signure mije, chiedo cremenzia,
…pecché voglio spiccia’ chesta licenzia!

 

[3]

In Ospedale (Ricoverato con urgenza!) – Il tempo passa, è come una parola, / quand’ero piccolino andavo a scuola, / ora son vecchierello – è un po’ banale – / frequento assai più spesso… l’ospedale! / Il fatto non è bello in verità / ma è necessario… e allora s’ha da fare! Inizia in questo modo la degenza / di chi è ricoverato con urgenza! /
Ti metti dritto steso dentro un letto/ con la speranza di trovare pace! / Ma la vita del malato è cosa dura / anche con la speranza di una cura! / La cura è lunga e non finisce mai: medici e medicine fanno guai!/ Però, rimane sempre la speranza / che, a poco a poco, la scienza pure avanza! / Ora questi dottori hanno pazienza / ti curano con scienza e con coscienza. / Ti dicono: “Stai buono, stai tranquillo, / sennò ti viene anche un isterismo! / Una pillola devi pigliar mattina e sera, / all’ora che ti dice l’infermiera! Ora la pressione, il termometro e l’E.Ci.Gi / e poi la provetta per far la pipì! / E quando ti hanno guardato dentro e fuori, / e pensi di riposarti alla controra, / arriva l’infermiera che fa il letto,/ e manco questa volta ti riposi. / Nell’ospedale c’è una specialità / quando ti addormenti ti vengono a svegliare! / Adesso una pastiglia, dopo un’iniezione / e, notte e giorno, è una continuazione! / Per fare uno sciacquo arriva l’infermiere/ e dopo torna, per farti un clistere! / Certe volte, sembra lo facciano apposta / all’improvviso… ti danno una supposta! / Nell’ospedale poi c’è l’usanza / di trasportar la gente in ambulanza; / e, anche di notte, con la luna piena / ti suonano il silenzio… con la sirena!
La gente è tutta malinconica / avvertono che la salute se n’è andata! / Nessuno parla, qualcuno smania, qualche altro grida: “Parlo con Catania?” / Certo con questi telefonini in giro / giorno e notte è proprio un tormento! / Non c’è rimedio per non farli suonare / Preghi la Madonna che li faccia scassare! /Vicino alla stanza dov’era il letto mio / c’è una statua di San Padre Pio; / ma l’hanno fatto santo e non fa grazie, / e lascia tutti quanti in questo strazio! / II trattamento è di tutto rispetto: / come un albergo c’è… colazione a letto! La mattina ti danno il dejouner, / biscotti, marmellate e café au lait! / La sera, invece, ti danno il consommé / con la salade. E chi sta meglio di te? / II pranzo poi, è variato e stimolante: / ti sembra di star seduto al ristorante! / Pastina in brodo con poulet roti / Pommes chauffèe, crèpes e supplì / Ma siccome mangiar bene può fare male: / allora tutto il pranzo senza sale! / Infine arriva il giorno del commiato: / su di una carta c’è: “dimissionato”! / Saluti tutto quanto il personale / dicendo che ti senti: “Non c’è male!” / Ma se poi il giorno della dimissione / per l’emozione vai in fibrillazione: / allora ti rimane un’altra via: / ti leggi un’altra volta ’sta poesia! / Perché devi sapere, in ospedale, la vita è sempre la stessa, tale e quale! /
A medici e infermieri chiedo scusa / se della lor pazienza qui s’abusa / perché con qualche verso traballante / voglio dire “Grazie a tutti quanti!” /A voi signori miei chiedo clemenza, perché voglio terminar questa licenza!”.

[4]
In ospedale. La somministrazione del sonnifero

Condividi questo articolo
[1]