Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0044-044 e-01 l-03 84 92 corrida19

‘A vicchiàia, ‘a Signora e ‘o campusanto. In dialetto e con poesia

di Paolo Mennuni

.

Quasi unite da un filo, queste altre tre poesie di Paolo
S.R.

 

’A vicchiaja

Dice ch’a vicchiaja è ’na malatia,
ma nun è overo, è sulo `na bbucìa!
Si fuss’ overamente malatia, dopp’ a ’nu mese, n’anno… passarria!
Si fusse overamente malatia, trasarria dint’a primma farmacia!
Abbastarria ’na semplice aspirina
…e te scite sanato alla matina!

E ’nvece è, overamente, ’nu veleno
che trase dint’o core e dint’e vene.
A fratemo cugino, che è dottore,
l’aggio ditto: “Egreggio prufessore,
quanno cammin’assaje o ’nchiano ’e scale
denocchie, spalle e cuollo fanno male!

Si magno ’na lasagna o ’nu sartù
dopp’a ’nu poco nun ci’a faccio chiù
’o stommaco è pesante, ’a vocca è amara,
e si me cocco faccio ’a notte chiara!

M’aggiro e m’arrevoto dint’o lietto,
tutt’a nuttata, senz’ave’ riciétto!
Famme ricovera’ dint’o ’spitale
addo’ ponno truva’ quacche rimedio
ca me pò libbera’ da chistu mmale!” 

M’ha guardato ’nt’all’uocchie dritto dritto
e cu’ cumpiatimiento po’ m’ha ditto:
“Lievate ’sti smanie ’a dint’ ’e chiocche!
Cierti ccose nu’ veneno de brocca:
chella cosa ca tiene, chella là,
è ’a vicchiezza e nun se po’ cura’!”

La vecchiaia. Dicono che la vecchiaia è una malattia, / Ma non è vero, è solo una bugia! / Se fosse veramente malattia / dopo un mese, un anno, pure passerebbe! / Se fosse veramente malattia / entrerei nella prima farmacia! Basterebbe una semplice aspirina / e ti svegli sanato alla mattina! / E, invece, è veramente un veleno / che penetra nel cuore e nelle vene! A mio cugino, che è dottore / ho detto: “Egregio Professore, / quando cammino molto o salgo le scale / ginocchia, spalle e collo fanno male! / Se mangio una lasagna od un sartù / dopo un po’ non ne posso più; / lo stomaco è pesante, la bocca è amara / e se mi corico faccio la notte chiara!Mi giro e mi rivolto dentro al letto, per tutta la nottata senza pace!” / Fammi ricoverare nell’ospedale dove possono trovare qualche rimedio / che mi può liberare da questo male!”/ M’ha guardato diritto negli occhi, / e con compatimento m’ha detto: / “levati queste smanie dalla testa! Certe cose non avvengono all’improvviso: / Quella cosa che hai, quella là/ è la vecchiaia… e non si può curare!”.


’A Signora

Gira p’o munno cu’ ’nu mazz’ ’e carte,
joca cu tico, perde e se ne parte!
’o juorno appriesso vene pe’  juca’,
tu vinci ancora e Chella se ne va!

Tu vinci mille vote ’a mala sciorta
ma Chella aspetta sempe addret’ ’a porta!
E nu’ ’lle ’mporta si perde tutt’ ’e juorne
e si ’stu juoco è sempe ’nu taluorno.

’Na vota sola vence e se ne va!
Tu, ’ntanto, he perzo… pe’ ’ll’Eternità!

La Signora – Gira per il mondo con un mazzo di carte / gioca con te, perde e se ne parte! / ll giorno dopo torna per giocare / tu vinci ancora e Quella sene va! / Tu vinci mille volte la mala sorte / ma Quella aspetta sempre dietro alla porta! E non le importa se perde tutti giorni/ e se questo gioco è sempre un tormento! Una volta vince e se ne va! / Tu, intanto, hai perso… per l’Eternità!

O Campusanto (ovvero: L’epitaffio)

Pariente, amice nuoste e tutte quante,
fernimmo, o primma o doppo,
o Campusanto!
’I ’nce so stato, pe purta’ nu sciore,
e pe
resta nu poco nzieme a lloro!
Dinto a chillu silenzio, zittu zittu,
m’aggiu miso a smiccia’ che
ncera scritto!
“Madre esemplare”, e “Padre affettuoso”
nu poco doppo: “Grande studioso”
“Dopo una vita di rettitudine,
i figli posero. Con gratitudine”!
Ncoppa nu cippo nce steva scritto:
“Morì da eroe, non fu sconfitto”!
Nobili imprese, e tanta bontà,
nzomma o mmeglio e ’ll‘Umanità!
Allora,
e buone ncihanno abbandunato,
e sulo
e malamente so restate?
Dint
o core mè scesa na tristezza,
pecché sto munno
e vascio è na schifezza!
Tornando a casa, alla consorte mia,
ho detto, mentre andavo per la via:
“Come epitaffio, sulla tomba mia,
pure pe
me scrivite na bbucìa!”

Il camposanto (ovvero: L’epitaffio) – Parenti, amici nostri e tutti quanti / finiamo prima o dopo al Camposanto! / lo ci sono stato per portare un fiore / e per stare un poco insieme a loro! / In quel silenzio, zitto zitto, / mi sono messo a sbirciare/ che c’era scritto / “Madre esemplare”, “Padre affettuoso” / e più in là: “Grande studioso”/ “Dopo una vita di rettitudine / i figli posero. Con gratitudine”! / Su di un cippo c’era scritto: / “Morì da eroe, non fu sconfitto”! / Nobili imprese, e tanta bontà / insomma, il meglio dell’Umanità! / Allora i buoni ci hanno abbandonato / e i cattivi, invece, son restati? / E dentro al cuore m’è scesa una tristezza / perché il mondo di quaggiù è una schifezza! / Tornando a casa, alla consorte mia / ho detto, mentre andavo per la via: / “Com’epitaffio, sulla tomba mia / pure per me… scrivete una bugia!

 

Devi essere collegato per poter inserire un commento.