- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

Il poeta e le alici

Condividi questo articolo
[1]

di Paolo Mennuni

.

Due argomenti troppo distanti tra loro? Non nelle poesie in dialetto napoletano di Paolo!
S. R.

[2]

’O pueta

Te piace ’e fa’ ’o pueta
e scrivere… accussì,
ma, si nisciuno legge,
neh, che pueta si’?
’A parulella acconcia
tu cirche pe’ fa’ ’a rimma,
scrivi, scangielle e scrivi…
po’ tuorne comm’a primma!

Dopp’a tanta fatica,
pe’ scrive ’na puisia,
te pienze già d’a leggere
a tutt’a cumpagnia!
Quanno po’ passa ’o tiempo,
nisciuno ’a legge cchiù,
tu non sì cchiù pueta
T’a liegge sulo tu!

Il poeta. Ti piace fare il poeta / e scrivere così, / ma, se nessuno legge, / neh, che poeta sei? / La parolina giusta / tu cerchi per far rima, / scrivi cancelli e scrivi / poi torni come prima / Dopo tanta fatica, / per scrivere una poesia, / tu già pensi di leggerla / a tutta la compagnia / Quando poi passa il tempo, / nessuno la legge più, / tu non sei più poeta… / Te la leggi solo tu!

[3]

L’alicia

Alicia fresca, alicia piscata,
alicia ’n tortiera, alicia panata,
alicia ’ndurata, alicia marinata,
alla scapece, alicia spinata,
alicia sfrittula, fritta e magnata,
alicia ’n salimoia, alicia salata,
d’ogne mmanera se po’ magnà.
L’alicia è bbona, l’alicia è bella
’nt’o tiano o ’nt’a tiella!
Ma chell’Alice che piace ’e cchiù
è chella bionda cu’ ll’uocchie blu!

L’alice: Alice fresca, alice pescata, /alice in tortiera, alice panata, / alice dorata, alice marinata, /alla scapece, alice spinata, / alice croccante, fritta e mangiata, / alice in salamoia, alice salata, / in ogni modo si può mangiare. / L’alice è buona, l’alice è bella, / in tegame o in padella! / Ma quell’Alice che piace di più / è quella bionda con gli occhi blu!

 

Nota della Redazione
Per le altre poesia di Paolo Mennuni accedere all’indice per Autori in Frontespizio (per cognome)

 

Condividi questo articolo
[1]