Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-35 cortese 30 35 burghiba-al-confino-alla-galite Spugne e astroides si contengono lo spazio

Altre “puisie”: ‘e capille e ‘o panariello

di Paolo Mennuni

 .

Per la poesia precedente di questa serie, leggi qui

’E capille

Muglierema me dice:
“Tagliate ’sti capille!
Si ti ttaglie si’ chiù scicco, alliccato e accunciulillo!
’Mmece accusì arrunzune e tutto scapillato
pare ’nu derelitto, afflitto e scunzulato!
Si t’accuonce e t’abbii ’a part’ ’e fora,
a ggente vede e penza:
«Chill’è ’nu signore!»
aggio risposto: “È overo! È chell’ c’avria fa’.
Ma s’i’ scriv’e ppuisie;  
…nun mi pozzo taglià!”

 

I capelli. Mia moglie mi dice/ “Tagliati ‘sti capelli/ Se li tagli sei più elegante, /ordinato e ammodo. / Così sciatto e tutto spettinato/ sembri un derelitto, afflitto e sconsolato! / Se ti aggiusti ed esci la gente vede e pensa: «Quello è un signore!» /Ho risposto: “È vero! / È ciò che dovrei fare! / Ma io scrivo poesie;/ non li posso tagliare!”

‘O panariello

‘E tutte ll’allicuorde ‘e Napule, ‘o cchiù bbello,
sicuramente è isso: ‘o panariello!
Si te scurdave ‘a casa ‘e chiavi, ‘o ‘mbrello
alluccave: “Acala ‘o panariello!”
‘Nce mettive dinto chello ca serveva
e ‘o panariello scenneva e po’ saglieva! ‘
’O giurnale, ‘a ‘nzalata, ‘e pastarelle,
‘o ppane, ‘o llatte, friarielle e cucuzzelle!
Cunnuliava pe’ ’mmiezo ‘e panne stise,
‘e ccorde d’e llenzole e d’e cammise!
Tutt’ ’e juorne p’ ’e vichi e ‘int’ ’e vinelle
era ‘na sinfunia de palummelle!

I’ m’allicordo ch’ereno ‘ntrezzate
cu pacienza, comm’a ‘nu gloriapate,
da quacche vichiarella ‘nanz’a’porta
pe’ s’abbuscà ddoje lire ‘e bbona sorta!
Mo’ so’ turnato, ma che scuntentezza
(e m’aggio ‘ntiso ‘o core ca se spezza!):
chilli ca scenenno ‘a copp’ all’asteco
nun so’ comm’a ‘na vota’, …è plastica!

 

Il panierino. Di tutti i ricordi di Napoli, il più bello, /è certamente lui: il panierino! /Se dimenticavi a casa le chiavi o l’ombrello/ strillavi: “cala il panierino!/ ci mettevi dentro quello che serviva / e il panierino scendeva e poi saliva! / Il giornale, l’insalata, le pastarelle, / il pane, il latte, broccoli e zucchine! /Dondolava tra i panni stesi; /le corde delle lenzuola e delle camicie! /Putti i giorni peri vichi e nei cortiletti /era una sinfonia di farfalle! /
Io mi ricordo ch’erano intrecciati/ con pazienza, come un rosario, /da qualche vecchietta dinanzi alla porta / per guadagnare due lire al massimo/ Ora son tornato, ma che delusione / (e mi si è spezzato il cuore!) /quelli che scendono dalle terrazze/ non sono come una volta, …sono plastica!

[Puisie. 2 – Continua]

Devi essere collegato per poter inserire un commento.