Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

p-02 c-0 e-07 v4-5 2397452039_b8d69ab53d sl372267

Una raccolta di poesie dialettali

di Paolo Mennuni

.

Abbiamo avuto tra le mani un libretto di poesie dialettali di Paolo – napoletano ‘verace’ trapiantato a Roma – e ne abbiamo fatto tesoro. Cominciamo a proporle ai lettori di Ponzaracconta perché le troviamo belle, e anche interessanti sotto l’aspetto del dialetto (per scelta dell’Autore sono seguite dal testo in lingua italiana); suggeriamo anche una comparazione col dialetto ponzese.
Qui, per l’esordio, con una presentazione di Paolo Ribaud (anche lui comparso sul Sito: 
leggi qui).
Per altre composizioni di Paolo Mennuni, accedi all’indice per Autori (per cognome).
Sandro Russo

.

Prefazione

Paolo Mennuni ha dato alle stampe questa nuova raccolta di poesie. Si tratta di versi che sottolineano la realtà quotidiana, i luoghi dell’anima, ma anche i temi con i quali un poeta, suo malgrado, finisce col confrontarsi spesso.
Appassionato e profondo conoscitore della lingua napoletana, l’autore riempie i suoi versi con termini accurati e precisi e sa rendere plastiche le cose che racconta, in qualche modo suscitando nel lettore consenso e sorpresa. Ma, linguaggio a parte, si sente che ci sono da parte sua profondo amore e rispetto per i grandi poeti come Salvatore di Giacomo, del quale si capisce essere entusiasta conoscitore. Vena ironica, un po’ di distacco dalle vicende che coinvolgono tutti giorno per giorno, e poi sprazzi di passione, umorismo sottile, bonomia: queste le sue caratteristiche.
Citare qualcuna delle poesie? Non è facile: vanno assaporate secondo lo stato d’animo del momento. Che dire, ad esempio, de: ‘A felicità, in cui si mette in risalto l’attimo fuggente, o magari, ‘O panariello in ricordo di un passato tenero e non tanto lontano?Napoli è sempre celebrata con affetto attraverso versi e rime impeccabili, gioiosi a volte: come in Alice, o con una nota lirica in più, come in: ’E vvarche, o Tiempo ’e primmavera.
E se c’è qualche rancore, qualche disagio da esprimere, bisogna lasciare al poeta il piacere di farlo, istintivamente, come dice in Puozze…!
E’ difficile essere poeta? Secondo Mennuni sì, e per aiutare i potenziali artisti, ecco che elargisce, dall’alto della sua esperienza, Consigli al poeta!

Renato Ribaud

’A felicità

Na cosa ca cercammo tutte quante
e nun sapimmo manco si ’nce sta,
ma che a ’sto munno, po’, nun è abbundante
e nuje ‘a chiamammo: ’a felicità!
Chesta felicità basta piglialla
ch’a può truà si scinne ‘mmiez’ ’a via,
ma chella zompa e fuje comm’ a ’na palla
che tu aje secutià dint’ ’a scampìa!
Si pure ’a piglie, mo’,
nun dura assaje
ma t’haje accuntentà chello che dura,
ch’è meglio poco ’e nun averla maje,
ca chella è accussì fatta pe’ natura!
Tu vulisse cagnarte e avé denare
ma nun abbasta p’a felicità,
’a recchezza ’nu poco po’ aiutare,
ma è ’u mumento chello c’he afferrà!
Chella te po’ passà pe’ sotto ’o naso,
po’ sta dint’ ’a resella ’e ’nu nennillo,
po’ sta dint’ ’a schiuppata de ’na rosa,
osinò dint’ a ’na cantata ’e arillo!
’Nu cacciuttiello ca te tene mente
muvenno ’a capa e scutulianno ’a cora!
E si te guard’attuorno, pe’ tramente
ne puo’ truà ati cciento dint’a ’n’ora!
’Na gatta stesa stennacchiata ’o sole
so’ cose ca se vedeno cu ll’uocchie
ma nun se ponno dice cu ’e pparole!
Chest’è ’a felicità, si t’accuntiente;
o sinò tu te sbatte inutilmente!

(Abbrile 2016)

La felicità: Una cosa che cerchiamo tutti quanti/ che non sappiamo neanche se c’è,/ ma che a questo mondo, poi, non è abbondante/ e noi la chiamiamo la felicità/ Questa felicità basta pigliarla/ perché puoi trovarla se scendi in strada,/ ma quella salta e fugge come una palla/ che tu devi inseguire nello spiazzo./ Se pure la prendi, ora, non dura assai/ ma ti devi accontentare quel che dura,/ ché è meglio poco che non averla mai,/ ché quella è così fatta per natura!/ Tu vorresti cambiarti e avere denari/ ma non basta per la felicità,/ la ricchezza un poco può aiutare/ ma è un attimo quello che devi afferrare!/ Quella ti può passare sotto al naso,/ può stare nel sorriso di un lattante,/ può stare nello sbocciare di una rosa,/ oppure nel canto di un grillo!/ Un cucciolo che ti fissa/ muovendo la testa e dimenando la coda!/ E se ti guardi attorno, nel frattempo,/ ne puoi trovare altre cento in un’ora!/ Una gatta stesa, che si stiracchia al sole,/ sono cose che si vedono con gli occhi/ ma non si possono dire con le parole! Questa è la felicità, se ti accontenti;/ altrimenti ti tormenti inutilmente! (Aprile 2016)

 

Devi essere collegato per poter inserire un commento.