Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-08-13_07-48-27 ep-05 p-18-3di4 v8-9a p-05 36

Una canzone per la domenica (32). Chi dice donna

Condividi questo articolo

di Silveria Aroma

. 

Donna, dal latino volgare dŏmna che deriva dal latino dŏmĭna ossia “signora, padrona della domus, ovvero della “casa”.

L’invocazione più diffusa e frequente di ciascuno di noi (noi umani fragili) è legata ad una donna, alla madre terrena, “mamma mia”, o a una Madre più universale e celeste. Una donna è la soccorritrice ideale nei momenti di difficoltà o timore.
Eppure le donne da sempre combattono per i propri diritti, la propria dignità e per l’integrità fisica e morale dell’universo rosa.
L’otto marzo è prossimo, è una ricorrenza importante ma dovrebbe essere soltanto un giorno particolare per celebrare l’importanza del femminile che è tale anche tutti gli altri giorni dell’anno.

“Donna come un mazzo di fiori…”
Donna come nella canzone di Mimì, un brano scritto da Enzo Gragnaniello per Mia Martini, pubblicato nel 1989 nell’album “Martini Mia”.

.

.

Le donne sono da sempre ricordate nella letteratura, nella poesia e nelle canzoni. Così Beatrice, Silvia, Francesca, Angelica e le altre potrebbero ritrovarsi ad un concerto di sole canzoni dedicate alle donne e sentire che Laura non c’è, Margherita è il vento, Erica era l’unica, che Marinella è scivolata nel fiume a primavera, e che son tutte belle le mamme del mondo. Ma non potrebbero ascoltare le parole di quelle donne che continuano a subire piccole o grandi violenze fra le mura domestiche, che non sono equiparate ai colleghi maschi nell’ambito del lavoro, che piangono ma da sole e in silenzio.

“E no, io no, io no, io ne avrei dette di parole, io non l’ho amato il mio dolore”
Canta Fiorella Mannoia in Lunaspina (testo di Ivano Fossati; dall’album “Di terra e di vento”1989).

.

.

Le donne vengono celebrate in tutti i tempi e con tutte le arti. Sono Muse, modelle ma anche artiste capaci di cambiare la storia delle donne stesse aprendosi varchi di immortalità, porte utili anche al passaggio delle donne future.

Non so con quali colori Frida Kahlo e Artemisia Gentileschi avrebbero dipinto Gauguin…
Le ragazze dipinte da Gauguin, quelle cantate da Grazia Di Michele, sono magiche.
Le ragazze di Gauguin,
dall’album omonimo uscito nel 1986.

.

.

Mi hanno fatto sorridere le parole della Vanoni, quelle con cui sosteneva, convinta e ironica, che una buona amicizia fra donne sia una cosa davvero rara. Un sorriso con una punta d’amaro perché – talvolta – è proprio una donna a mancare di soccorrere un’altra in difficoltà, o a divenirne detrattore in gonnella a titolo gratuito.

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.