Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_18-54-33 p-06 57 03 premiazione-elena-bonelli Una delle tante vele storiche

“Zannone oggi”, il 16 febbraio il dibattito promosso dal Comitato Samip

riceviamo in Redazione e pubblichiamo

A V V I S O 

IL COMITATO “SAMIP”
INVITA LA CITTADINANZA PONZESE
A PARTECIPARE AL PUBBLICO DIBATTITO
“ZANNONE OGGI”
…e altro

CHE SI TERRA’ AL RISTORANTE ANGELINO 
SABATO 16 FEBBRAIO ALLE ORE 16,00

Chi vuole intervenire deve darne comunicazione scritta
al dr. Biagio Vitiello

4 commenti per “Zannone oggi”, il 16 febbraio il dibattito promosso dal Comitato Samip

  • Nel manifesto si annunciava una sola riunione organizzata dal comitato Samip con l’amministrazione da Angelino: perché poi si sono tenute due riunioni una con il dott. Biagio Vitiello da Angelino e l’altra al Veliero?

  • Dopo le due riunioni, una al Veliero con l’amministrazione Ferraiuolo e l’altra quella da Angelino con il dott. Biagio Vitiello tra i cittadini non è aumentata la confusione ma certamente lo sconforto.

    Delle due riunioni una era di troppo!

    Della riunione del Sindaco al Veliero sappiamo pochissimo, né quanti cittadini residenti hanno partecipato né i contenuti.

    Della riunione di Biagio Vitiello da Angelino sappiamo molto di più perché Alessandro Balzano l’ha registrata totalmente.
    Questa riunione ha dimostrato che il cittadino residente vuole essere informato e vuole partecipare al dibattito e lo fa anche se ripreso in diretta streaming.

    Bisogna dare atto al dott. Biagio Vitiello, che da cittadino residente, ha sentito il diritto di prepararsi sull’argomento Sic, Zps e Parco del Circeo e poi il dovere civico di informare i suoi concittadini residenti i quali hanno dimostrato di apprezzare l’impegno del medico.

    Ora i residente invernali pur sapendo che cosa non vogliono – cioè che il Parco del Circeo allunghi il suo potere sulle isole – non sanno che cosa fare di concreto per impedire questo.
    Quindi la domanda che i residenti invernali si stanno ponendo in questi giorni è ” come fare ad impedire che il Parco del Circeo allunghi le mani sulle isole”.

    Quali sono i punti di riferimenti dei residenti per questa battaglia?

    Certamente il dott. Biagio è diventato un punto di riferimento.
    Ma anche l’opposizione consiliare.
    Per l’opposizione Consiliare, non ci sono dubbi: Zannone deve uscire dal Parco del Circeo e scomparire dalle isole ponziane.

    Il coordinatore dei Fratelli D’Italia Danilo D’Amico ha protocollato una mozione in comune per attivare le procedure referendarie: l’obbiettivo e fare decidere i cittadini direttamente in un Referendum pro e contro il parco.

    Io non penso che l’amministrazione Ferraiuolo voglia lasciare campo libero all’opposizione sul tema Parco del Circeo, Zannone e gestione dei Sic delle isole per cui mi aspetto che prenda iniziative convincenti.

  • C’è stato un malinteso che va spiegato:

    il Comitato Samip aveva organizzato – come da manifesto – una riunione da tenersi da Angelino per parlare delle questioni del Parco del Circeo, dei Sic e Zps .

    Inspiegabilmente il presidente del comitato ha deciso di spostare tale riunione al Veliero. Il dott. Biagio Vitiello che aveva pubblicizzato, contattato persone per tale, ha ritenuto non serio cambiare la destinazione da Angelino al Veliero all’ultimo momento per cui alla fine ci sono state due riunioni.

    Entrambe le riunioni non hanno avuta la partecipazione degli amministratori comunali che sembra, abbiano deciso di incontrare i cittadini – per esporre la linea politica su Parco del Circeo, Sic e Zps – prossimamente.

  • Per Mimma Califano, delegata ai rapporti con il Parco del Circeo.

    Cara Mimma, ho inviato a quattro amici residenti invernali questa e-mail di cui ti porto a conoscenza.

    Oggetto gestione Sic, Zps Ponza, Palmarola e Zannone.

    Scrivo questa mia a voi perché siete residenti invernali, cittadini attivi e sensibili al problema. A Danilo D’Amico, attivista politico e coordinatore del Gruppo Punto di Svolta molto presente nel sociale. A Mario Feola, rappresentante del Circolo Attivamente Ponza. Al dottor Biagio Vitiello, da sempre impegnato in campo medico, sociale e ambientale. Ad Alessandro Balzano organizzatore sociale, sensibile alle tematiche ambientali e politiche dell’isola.

    Con tutti voi ho parlato sull’argomento Parco,Sic e Zps, per cui devo concludere che siamo tutti d’accordo: bisogna scongiurare il pericolo che il Parco del Circeo allunghi le sue mani sui nostri Sic e Zps.

    Certo, Piero Vigorelli ha impostato la battaglia in modo politico-istituzionale per l’uscita di Zannone dal Parco del Circeo con le denunce e le interrogazioni parlamentari e poi facendo approvare all’unanimità la famosa delibera consiliare.

    Danilo D’amico ha impostato la battaglia in modo politico/sociale protocollando la sua mozione – di inserimento nel regolamento comunale dell’opzione referendum – referendum per dare voce ai cittadini di Ponza per esprimersi sul Parco del Circeo e sull’uscita di Zannone dal Parco.

    Ad accelerare le cose ci si è messo anche il premio “Città della Cultura” che invischia la nostra isola in un progetto che ha al centro il Parco del Circeo. In questa occasione il direttore del Parco Cassola ha propagandato la candidatura per ampliare i confini del Parco a mare, e di gestione dei Sic e Zps delle nostre isole.

    La battaglia politica di Vigorelli e quella sociale di Danilo D’Amico certo sono indirizzate a bloccare l’avanzata del Parco del Circeo; producono sfiducia nei confronti di un ente (il Parco del Circeo) che si ritiene non essere garante né della protezione ambientale tanto meno degli interessi dei ponzesi: ma con la sola azione di contrasto al Parco non si diventa autorevoli per la gestione di Sic e Zps.

    La Regione Lazio quando dovrà scegliere per dare la gestione dei Siti Sic e Zps, tra un Ente Parco, che per la gestione di questi siti di protezione ambientale ha una sua organizzazione giuridica e tecnico scientifica, e un Comune isolano, che ha dimostrato nel tempo di non fare nessuna politica protezionistica, è chiaro che la scelta potrà più facilmente cadere sull’Ente Parco.

    La manifestazione di sabato scorso da Angelino organizzata da Biagio Vitiello ha dimostrato che i cittadini di Ponza sono per la maggioranza contro il Parco del Circeo, ma aspettano dalla politica locale azioni coerenti. I cittadini sembrano dire alla politica: “Diciamo no al Parco del Circeo, ma poi chi gestirà i Sic e gli Zps delle isole?”

    Per questo dobbiamo tutti insieme ragionare: non basta la protesta, ma bisogna organizzare la proposta di gestione dei Sic e Zps delle nostre isole.

    Sembra che anche la maggioranza comunale – nelle persone del sindaco e del delegato all’Ambiente del Comune – abbia detto che “a suo tempo il Comune chiederà la gestione dei Sic e degli Zps delle isole”, ponendosi successivamente i problemi di organizzazione e dei costi di gestione della cosa.

    Cari amici, bisogna incoraggiare l’Amministrazione comunale a scegliere la via per autogestire i Sic e gli Zps delle nostre isole.

    Ragion per cui io dico che bisogna chiedere uniti che venga istituita una commissione per elaborare un Piano di gestione di Sic e Zps delle nostre isole: una commissione che parta dai rappresentati politici di maggioranza e opposizione per poi individuare cittadini che per cultura, professionalità e sensibilità ambientali, possano dare il loro contributo. Questa commissione che si potrà avvalere della collaborazione di professionisti del campo avrà lo scopo di studiare e proporre una organizzazione e gestione di Sic e Zps da presentare alla Regione Lazio.

    Se siete d’accordo bisogna presentare un documento, per chiedere uniti che venga “istituita una commissione che studi la gestione dei Sic” per poi promuovere la candidatura della nostra isola alla gestione di questi Siti di Interesse Comunitario.

    La riunione di sabato prossimo, finalmente organizzata dall’Amministrazione con i cittadini, potrà essere un’occasione per proporre quest’iniziativa che potrà vedere voi e le vostre organizzazioni nella veste di attivi collaboratori, affinché l’isola possa sostenere non solo la protesta ma anche la proposta.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.