- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

’A Cannelora

di Francesco De Luca
[1]

.

La Candelora cade il 2 febbraio. La Chiesa festeggia la presentazione di Gesù al tempio. Gesù: luce del mondo. In chiesa si lasciava ai fedeli una candela benedetta. Si accendeva quando infuriavano le tempeste di acqua, di vento e di mare. Aiutava a sopportare il disturbo interiore che stringeva il petto. La luce di quella candela dava sollievo.

Nel libro di nonno Scartiello (già conosciuto dai lettori) ho trovato questi versi. Adatti alla stagione che stiamo vivendo.

’A fiammella d’a cannelora
è miccia miccia.
C’u maletiempo ca mena
’u core c’a mente se ’mpiccia.
Mo’ passe… mo’ passe ’stu turmiento…
lampe e truone
e ’u mare attuorno
p’u rummore leva ’u suonno.
Aneme d’u Priatorie
facitece grazzie…
purtatece fore ’a ’stu vierno
mo’ ca passa ’a cannelora.

Questa la versione recitata:

http://www.ponzaracconta.it/wp-content/uploads/2019/02/’A-Cannelora.mp3 [2]

[3]