Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0022-022 h-14 i-25-bis ss19 102 Spugne, briozoi e astroides

Il ragazzo del Mali e la pagella

Condividi questo articolo

di Rosanna Conte

.

E’ notizia di qualche giorno fa. Ma giusto perché è stata pubblicata in un libro da chi l’aveva scoperta.

Un ragazzo del Mali di 14 anni, annegato nel suo tentativo di arrivare in Europa, il 18 aprile del 2015, aveva cucito nel suo vestito, dove in genere i migranti nascondono le cose più care per non farsele portare via, la sua pagella.

Certamente non era uno che pensava di venire in Europa a godersi la pacchia tanto declamata da Salvini. Quella pagella era il testimone dell’essere stato cittadino di un paese che non gli garantiva nemmeno più la sopravvivenza e di voler diventare cittadino del nuovo paese che l’avrebbe accolto.

Considerato il basso livello di alfabetizzazione del paese,  il ragazzo del Mali, un paese soggetto a frequenti guerre civili, a malattie gravi endemiche, ad un’economia piuttosto povera, doveva essere consapevole del valore della cultura. Forse molto più dei tanti nostri ragazzi che vivono nel benessere.

Questo è il caso che ha colpito di più, fra i tanti raccontati in “Naufraghi senza volto” da Cristina Cattaneo, anatomo-patologa, che dal 2013 esegue le autopsie delle vittime di naufragi nel Mediterraneo. E’ stata lei a scoprire la pagella, come ha scoperto le tante cose che i migranti si portano dietro, nascoste nelle pieghe dei loro abiti.

La notizia si è sparsa immediatamente e qualche giorno fa, l’ultranovantenne Aldo Masullo, un grande filosofo napoletano,  coscienza civile e politica sempre vigile e presente,  con grande capacità di impatto per la sua chiarezza nei ragionamenti, ha scritto una poesia sul ragazzo del Mali che dal punto di vista poetico non raggiunge le vette, ma dal punto di vista della riflessione ci dice molto…

La portavi cucita sul petto
– medaglia al tuo valore
risorsa estrema per avere almeno
un poco di rispetto –
l’orgogliosa pagella di scolaro
tu, solitario ragazzino
perso nell’immensa incertezza del migrare
corpicino in balia d’infide forze.
Non t’è servita a salvarti la vita
ma t’è rimasta stretta sopra il cuore
fedele come il cane di famiglia
a custodir del tuo abbandono l’onta
e finalmente sbatterne l’orrore
in faccia all’impunita indifferenza
della presente umanità d’automi

Condividi questo articolo

1 commento per Il ragazzo del Mali e la pagella

  • Rinaldo Fiore

    Chissà quanti sogni nascondeva nel cuore il ragazzo adolescente del Mali, quanto amore per quella sua pagella, la sua vera carta d’identità: i suoi grandi occhi scuri tanto grandi da abbracciare il mondo desideravano conoscerci, volevano stringere amicizia con i ragazzi suoi pari italiani e europei, il nuovo mondo moderno che rappresentava la speranza di un giovane cittadino del mondo, nato libero e morto prigioniero del nuovo nazismo dei popoli occidentali e dei criminali di quella terra d’Africa che era la sua Patria…
    È duro, difficile e pura sofferenza seguire le vicende dei migranti d’Africa ma non possiamo nasconderci; ormai il Mar Mediterraneo è diventato un moderno lager in cui scompaiono generazioni di migranti mentre all’ONU preparano nuove tavolate per l’antico nazismo…

Devi essere collegato per poter inserire un commento.