- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

Una canzone per la domenica (28). Il videoclip dei Muse

proposto da Roberto Pezzoni

[1]

.

Per le imperscrutabili vie del caso e la sorprendente capacità di aggregazione del sito abbiamo avuto un contatto con Roberto Pezzoni, conosciuto qualche tempo fa durante la preparazione di un brano dei King Crimson (leggi e ascolta qui [2]).
Preso da entusiasmo per il sito, Roberto si è detto contento di collaborare con noi.
Ci ha risposto:
Vivo a Gallarate (VA) vicino a Malpensa e lavoro nell’industria Aerospaziale. Sono lusingato e fiero del vs. invito a collaborare!
La scrittura è una delle mie passioni e la utilizzo anche molto per il lavoro!
La Musica ed il Canto li adoro e sono basso in una Corale sacro-barocco-romantico. Ma basta parlare di me….” 

[3]

Vi mando per follia entusiasta qualcosa che ho scritto di getto, brevissima, dopo l’ennesimo ascolto di un brano e video che adoro per intensità e drammaticità emotiva: Muse – The 2nd Law: Isolated System. Seguono link a video e testo.
Saluti cordiali, 
Roberto Pezzoni

[4]

The Muse – The 2nd Law: Isolated System (2012). Dall’album: The 2nd Law; writer Matthew Bellamy

.

.

In an isolated system, entropy can only increase

In an isolated system, entropy can only increase

In an isolated system
In an isolated system (entropy)
Isolated system
(Entropy can only increase)
Isolated system…

Impressioni
La grafica vettoriale che “espandendosi dalla rete” fagocita il mondo reale potrebbe essere metaforicamente la rappresentazione  interpretativa di tanti conflitti e del loro possibile esito disperato e definitivo.
Questo filmato suggestivo e drammatico, supportato dalla musica iterativo-rock-minimalista dei Muse (*), ad alta tensione emotiva e suggellato dal finale a riscatto dell’ultima superstite che si gira verso la minaccia e decide lei quando “saltare” nel mondo-oltre, mi pare notevole e degna cornice evocativa di qualcosa che ognuno di noi può temere e che, auspico, possa allontanare o, meglio ancora, risolvere in modo positivo anche con l’aiuto di coloro di cui ci fidiamo.

[5]

Nota a cura della Redazione
I Muse sono un gruppo musicale rock alternativo britannico formatosi nel 1992 a Teignmouth, nel Devon.
Sono riconosciuti per uno stile musicale molto eclettico che raccoglie influenze di più generi come elettronica, rock progressivo, spesso segnati da una vena sinfonica e orchestrale. La maggior parte dei testi delle loro canzoni, composte principalmente dal frontman Matthew Bellamy, trattano temi riguardanti apocalisse, UFO, guerra, vita, universo, politica e religione. Le loro esibizioni dal vivo sono molto energiche e stravaganti (estratto da Wikipedia).

 

Allegati al commento di Sandro Russo (cfr)

[6]

[7]

.

.