Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

30-07-2005-19-35-51_0006 k1-18a s0-30 ss-20 fl-01 classe-1-avviamento-1960

Un nuovo poeta dialettale in: ‘O scarfalietto

Condividi questo articolo

di Paolo Mennuni

.

Una conoscenza relativamente nuova, fatta per caso… Un distinto signore, alto con la barba bianca, napoletano verace, conosciuto in casa di amici e visto poi in qualche occasione, ospiti del suo bel terrazzo sui tetti di Roma, co-gestito con la moglie Gabriella, gran cuoca.
Qualche mail che ci siamo scambiata recava in calce la scritta “dott. agr. Paolo Mennuni” che può significare dottore agronomo, ma per me poteva essere anche “lup. mann. P. M.” Una conoscenza di quelle che si scoprono poco a poco; infatti sarà un iceberg di cui far riemergere poco a poco – attraverso le sue poesie – la parte sommersa.
Sandro Russo

P.S. – Abbiamo passato insieme, con Paolo, Gabriella e altri amici, la notte di Capodanno; già pubblicata sul sito una sua poesia, scritta per l’occasione (si è firmato allora: anonimo napoletano del XXI sec.). Ora lo conosciamo per nome…

Ll’anno che vene

Ll’anno che vene è sempe ’na speranza;
speranza vera, o puramente ausanza?
Pecché ll’anno che vene che ce porta..?
Forze ’a speranza de ’na bbona sciorta?

Sempe accussì è stato: c’è ll’aùrio
ca tenarrà luntano ’o malaùrio!
Si po’ port’a recchezza e ll’abbunnanza
ll’anno che vene è ll’anno… d’a speranza!

(Anonimo napoletano del XXI secolo)

 

’O scarfalietto

Quann’ ’o vierno appanna ’e lastre
e ’a cuperta nun c’abbasta
dint’ ’o lietto c’astrignimmo
pe’ cercà ’e piglià ’a calimma!
Po’ parlammo core a core
e facimmo passà ll’ore.
E si ’o vierno è na’ tristezza,
cu’ te, ’mmece, è ’na priezza!
Cu’ te ’o vierno i’ passarria
pe’ guarì ’sta pucundria!
Po’ chiù fforte c’astrignimmo
e truammo ’sta calimma!
…O p’ammore, o pe’ delietto,
tu si’ ’o meglio… scarfalietto!

Lo scaldaletto Quando l’inverno appanna i vetri / e la coperta non ci basta / noi nl letto ci stringiamo / per cercare di prendere il tepore! / Poi parliamo cuore a cuore/ e facciamo passar l’ore. / E se l’inverno è una tristezza, / con te, invece, è una felicità! / Con te l’inverno passerei / per guarir l’ipocondria! / Poi più forte ci stringiamo/ e troviamo questo tepore! / O per amore, o per diletto, / tu sei il migliore… scaldaletto!

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.