Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_18-08-27 i-32 m1-14 34 hp0049 sl372216

Ausulianno (Ascoltando)

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

.

– Che gghié? Come mai le lucette accese sui tronchi delle querciole in Piazza? In pieno mattino … mah…
– Beh… è il 24 dicembre… è la vigilia di Natale. Non ci sono bambini a far baldoria… così le lucette simulano allegria …
– Simulano, hai detto simulano, nel senso che fanno finta? E comm’è? I Ponzesi fingono allegria… Vuol dire che non sono contenti …
Verù… capimmece bbuono … pe fa’ allegria ce vo’ ’a ggente… cca ggente ’nce ne sta. Comme se fa st’alleria si i Punzise so’ rimaste quatte iatte. Guarda gua’… ce stanno cchiù militari ca punzise. Vicino alla capitaneria ci sono tre giovani che prendono il solicello di questa magnifica giornata, …ati quatte stanno saglienno ’ncopp’ a piazza, tre finanzieri so’ già sagliute. Sulo lloro… di Ponzesi non ne vedi.
Veruccio – Staranno a casa a preparà
U cenone ’i Natale? Non è tradizione nostra. Ponza non è mai stata terra ’i bbunnanza. Nelle nostre case non c’è mai stato spreco perché anche a Natale ci si comportava con moderazione. Non ce n’era da sprecare.
Veruccio – Poi aimmo visto i Mericani e ce simmo sbracati pure nuie. Cecci’ nun ce sta rimmedio.
Ceccillo. – E invece no. Chesto è ’u bello ’i campa’ a Ponza. Cca ’u munno nun corre, nun s’ abboffa. Cca ’u munno tene rispetto …
Veruccio – ’I che ?
Ceccillo – Tène rispetto ’i comme simmo,’i comme sì tu, io, ’a vecchiarella, ’u uaglione, ’a mamma ’i famiglia… Dimane sarrà Natale… e guarda… Patalano… zompa ’ncopp’u vuzzo pecché dimane se mette ’u punente e isso sistema i cimme. Nun ce sta nesciuna festa ca ’u po’ tené luntano da ’u vuzzo. Pecché ’u vuzzo l’ha fatto diventà omme…
Veruccio – Mado’… parle comme zì ’Ntunino ‘i copp’i Cuonte. Pure isso dice sempe ch’a dignità è ’u meglio vestito ca tenimmo. I Punzise so’ state sempe rispettate pecché nell’ignoranza, nella povertà, hanno sempe tenuta’a schiena dritta.
Ceccillo – ’A schiena dritta. ’Nfaccia a chi ce tratta comme cafune. Nuie vulimme cresce, nun vulimmo esse cummannate comme cagnulille.
Veruccio – Parle buono. Poche simme rimaste… a Natale facimmo meno zeppule… ma cca stammo… c’a faccia contro’u viento.
Ceccillo – A proposito… dimane dice ca se mette ’u mare… Dimane Natale sarrà…
Veruccio – Sarrà comme vo’ isso. Nuie stamme cca… c’u buono e c’u maletiempo. ’A festa… quale sia sia…. è festa si ce stamme… ’U Signore nasce pe’ tutte… po’… ognune s’u ricetta comme vo’.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.