Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-30 pa-02 k2-11 k2-18 p-07 corrida6

Un mese, una poesia. Dicembre. Ponzesi nel cuore

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

.

Ponza e i Ponzesi vivono il periodo di dicembre in modo contrastato.

Soli, sempre più decimati e soli. L’inverno tiene lontano dall’isola. Ma per chi vi dimora, il Natale e il suo desiderio di vicinanza fanno superare ogni distanza e rende prossimo anche chi è abbagliato dalle luminarie di New York, o gioisce nelle strade di Napoli, o in Sardegna coltiva l’affetto familiare.
Tutti Ponzesi nel cuore.

Punzese ind’u core pure si ’a luntano

M’aggia scurda’
’a pace ca me deve
vede’ ’a luntano
’a sagoma ’i Ponza
mentre ’u vapore capuzzianno
s’avvecenava.
’U stommaco
tuosto comme ’na prete
pe’ nun vummeca’.

’A prora,
chella forma nera
se faceva sempe cchiù grossa:
arapeva i bracce
pe m’assicura’.
Comme mamma mia
ca m’aspettava
senza lacreme,
senza smancerie.

M’aggia scurda’
’a forza ca me deve
’u viento ’i grecale
e ’u puorto sparpetiava
p’a chiena ca ’ngrossa
e i varche fanno tozza-tozza.
I piscature guardeno, preoccupate:
i fatiche ’i ’na vita
se ponno perde ind’a ’na nuttata.

“Povera,
’a ggente ca fatica ’ncopp’ all’acqua salata.
S’abboschene friddo e malatie,
sacche avvacante e scarpe sfunnate”.
Accussì deceva papà mio,
e ’nserrava a porta,
accustava i spurtielle:
’u maletiempo ’a fore
e dint’a casa
’a famiglia a core a core.

So’ scene d’ati tiempe,
so’ fantasie
ch’aggia scurda’:
metteno malincunia,
fanno iastemma’.
Me fanno capi’
ch’a troppo tiempo
stonghe luntano ’a Ponza.
Pozze fa finta ’i niente
ma nun so’ cuntento.
E comme a me
tanta ate paisane
sparse p’u munno:
Punzise ind’u core
pure si ’a luntano.

.

Questa la versione recitata:

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.