Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0018-018 2009-07-21_19-59-13 pdp ss01 113 26

La scomparsa di Bernardo Bertolucci

Condividi questo articolo

proposto da Sandro Russo

La scomparsa di Bernardo Bertolucci (ieri, all’età di 77 anni dopo una lunga malattia invalidante) è di quegli eventi di cui si può dire che nella storia del cinema “segnano la fine di un’epoca”: lo scrive Emiliano Morreale (il “nostro critico cinematografico di riferimento”) su la Repubblica di oggi, in uno dei due articoli riportati in fondo; l’altro è di Irene Bignardi.
Perciò nel rievocare la sua opera e la sua vita ci affidiamo a opinioni e sintesi più esperte e globali.

Noi ci limitiamo a ricordare la sua lunga collaborazione con il ponzese Gianni Silvestri (1945 –2009), architetto, arredatore e scenografo di molti suoi film, tra cui anche Novecento, L’ultimo imperatore e L’assedio (per la lista completa cfr. su Wikipedia).

Forse proprio su suggerimento di Gianni, Bertolucci era un habitué di Ponza. Riportiamo in proposito la testimonianza di Biagio Vitiello:
“Bertolucci, prima di fare Ultimo tango a Parigi, veniva d’estate a Ponza (dove lavorava al copione del film) non andando al mare con la famiglia.
Era molto amico di Temistocle, potrebbe dirci qualcosa il genero Aniello De Luca. Quando veniva a Ponza, era ospite di casa Vitiello con la famiglia (in un appartamento alquanto spartano).
Io lo vedevo spesso seduto in terrazzo, quando gli altri della famiglia andavano al mare, a scrivere sotto il sole, protetto da un grande cappello.
Sicuramente scriveva Ultimo tango a Parigi, perché dopo qualche anno uscì questo film; poi lui non si fece vedere a Ponza per qualche estate, ma il suo gommone era parcheggiato a casa di mio padre”.

Colpisce tra i film nominati nei due articoli ripresi da la Repubblica, l’assenza di un piccolo gioiello intimista di Bertolucci, come l’Assedio, – di cui abbiamo già parlato sul sito a proposito di un suonatore di kora, uno strumento a corde africano dal suono simile a un’arpa (leggi qui) – e di cui riportiamo anche una recensione da www.cinefatti.com che include anche un breve trailer del film.

 

File .pdfBernardo Bertolucci. Due articoli da la Repubblica

Fausto Vernazzani: L’assedio. Recensione

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.