Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

v2-21 l-13 bp-01 corrida10 hp0055 Una delle volti delle camere delle grotte di Pilato

Un mese, una poesia. Novembre. ’Nu squillo

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

.

Questa che presento è una poesia ‘di situazione’. Solidifica un momento, uno solo, distante e refrattario a tutti gli altri del corso della giornata. Uno di quelli coi quali si struttura la quotidianità.

 

’Nu squillo

’Nu squillo d’u telefono ind’a notte
è comme ’na fucilata ind’u cianco
’a sotto.
Faccio ’nu zompo e stongo vecino a’ curnetta.
Poche seconde,
ma ind’a capa già se so’ appicciate fatte e suggette.
Ponno esse sule disgrazzie,
nun ce sta scampo:
…’a figlia aveva veni’ ’a Roma…
…’u maletiempo ha purtato furmene e truone…
…frateme nun sta tanto bbuone.

 Mah… famme senti’ ch’è succiesso…
Aizzo ’a curnetta
e aspetto ’a mazzata:
…pronto?
Ma ’a ll’ata parte è silenzio.
Ce sta uno ca sente
ma ’nse votte a parla’,
e subbete doppo chiude e me lascia llà.

Stongo ’ntrunato p’a scetata sufferta,
stongo ammasato pecché m’aspettavo ’a scuppetta
e chillu me chiude ’a comunicazzione…
Rimango scauzo e senza cazone.
Meglio accussì…

u lietto m’ aspetta
e chillu suonno ca stevo facenno…
…abbasce ’a marina…
l’acqua fresca… ’i patelle …
mo’ chiudo ll’uocchie ch’a notte è bella.

Questa la versione recitata:

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.