Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a4-35 h-11 l-07_0 k1-17a lamonica-05 36

Ponza: richiesto alla Regione Lazio lo stato di calamità naturale

Condividi questo articolo

di Sandro Vitiello

.

Dopo aver scritto dei danni a Ponza relativi al brutto tempo (leggi qui) abbiamo segnalato la possibilità, per quanti lavorano la terra avendo una posizione INPS aperta, di accedere a contributi per sostenere il rifacimento di impianti agricoli danneggiati.

Questa è una procedura che rimane circoscritta solo agli imprenditori agricoli, alle aziende agricole o ai coltivatori che dimostrano di essere in regola con gli adempimenti fiscali del settore.

Successivamente, ieri, il Comune di Ponza ha avviato la procedura per vedere riconosciuto dalla Regione Lazio lo stato di calamità ed emergenza per un maggiore ambito di applicazione.

Tutti i cittadini (indipendentemente dalle qualifiche rivestite) e le aziende (di qualsiasi natura, quindi non solo quelle agricole) che avranno subito danni dal maltempo potranno, da subito, fare richiesta al comune di Ponza per gli indennizzi che  saranno ovviamente corrisposti anche in misura di quanto verrà stanziato.

Riportiamo quanto scrive l’Amministrazione comunale di Ponza sulla sua pagina Facebook e il relativo modulo:

L’Amministrazione comunale, a seguito dei violenti eventi atmosferici dei giorni scorsi

COMUNICA ALLA CITTADINANZA

di aver approvato con delibera di Giunta Comunale la dichiarazione dello stato di calamità naturale e di emergenza, inoltrandola alla Regione Lazio quale istanza per il riconoscimento.
Pertanto i titolari di aziende e i cittadini possono disporre, in attesa della decisione della Regione Lazio, ipotesi di richiesta di risarcimento danni, compilando l’apposita modulistica scaricabile dal sito web istituzionale del Comune di Ponza.
Suddetta modulistica, opportunamente compilata, deve essere supportata da un’istanza con idoneo materiale fotografico e recapitata presso l’ufficio protocollo entro il 19 novembre 2018.

Ulteriori informazioni presso gli uffici comunali di Ponza.

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.