Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0024-024 e-01 v6-2 ss07 74 la-famiglia-vitiello-seduta-su-gli-scogli-giuditta-luca-maria-monica

Un mese, una poesia. Ottobre. Zittu zitto

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

.

Zittu zitto

Zittu zitto ce decimmo parole
e i mane parleno sole, accarezzanno,
e ll’onne d’u mare veneno e vanno ’ncopp ’a marina.
’U range scappa e ll’acqua ’u trascina fore,
cumpare ’a capuzzella e dint’ ’a rena arranca,
ma vene ’a scumma ianca e ’u cummoglie,
fino a quanno cu tutt’a voglia va ind’u ’sciutto.

“Tenimmece stritte, pote esse ch’a dduie
’sta vita ca vatte e struie nun ce pote,
ce fa cade’ quacche vota ma nun ce abbatte;
statte vecina a me”.

’Ncopp ’a marina deserta ’u range s’è fatto vivo,
’n’ata vota scrive cu’ i ranfatelle
’na storia ind’a rena.
“Ammore mio te voglio bene –
pure ie a te ”.

 

Questa la versione recitata:

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.