Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 h-16-h-15 i-16 i-18 45 3258

Un incarico molto speciale

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Finalmente anche a Ponza la cultura è stata affidata al popolo, e naturalmente Giggino si è subito calato in questa incredibile rivoluzione copernicana.
Chest’è.

.

Giggino – ’Uaglio’, tu mo’ a mme m’he lascia’ sule sta’! È chiaro?
Sang’ ’i Retunne – A sì? E per quale motivo?

Gg – Pecché i’ so’ ie e tu si’ tu..! T’aggia pure spiega’? I’ songh’ ’mportante e tu nun si’ ’nu cazze! È chiaro mo’?
SR – Ah, certamente. Questo già si sapeva, non mi dici niente di nuovo. Ma addirittura non avere contatti con te… questo proprio non lo capisco!

Gg – Nunn’è tanto ’a quistione che mo so’ addeventate tant’ importante, ma pecché mo’ tengh’ assaie a che fa’ e nun pozze perde tiempe cu’ tiche ! Chest’è!
SR – Ah ecco! …Hai un impegno assai gravoso!

Gg – Essì! Assaie!
SR – E che impegno sarebbe?

Gg – È che mo’ so addeventato contrundente ’i Ponzacheaffonda.
SR – Giggi’..: “consulente di Ponzaracconta”.

Gg – Vabbuo’… Assuntina me diceva “vide ’i nun fa’ figur’i niente”, ma io ho vellute accettaro stessamente. ’Uagliò, là so’ sorde… m’è cunvenute!
SR
– Giggi’ ma sei sicuro? Non mi pare che la redazione dia soldi ai suoi collaboratori.

Gg – Uddice tu! Ca nisciune fa niente pe’ senza niente. Mica a gente è fessa?
SR – Caro amico mio, devi sapere che c’è anche il volontariato e l’impegno sociale gratuito. È come una missione. I soldi non danno la felicità, c’è anche altro nella vita.

Gg – Azz! E tu dammelle a me, ’i sorde e te facci’avvede’ ie che nunn’è vero! Io addivento subbete felice!
SR – Lasciamo perdere… Ma che tipo di consulenza è? Come dovrai collaborare?

Gg – Al’loro me fanne cierte dumande strevese e i’ arrisponne. Ma però m’aggie appriparà durant’a settimana.
SR – A sì? E come si chiama la rubrica?

Gg – Se chiamma “Epi’zizze”.
SR – Sì, i zizze ’i soreta! “Epicrisi” si chiama! Addirittura ti mettono a fare l’epicrisi? Un notevole salto di qualità. Si noterà subito il tocco di classe.

Gg – E certamente. ’Uagliò là mmiezze i’ so’ l’uniche che sap’i fatti. Chille arracconteno sule balle.
SR – See see i fatti… ’i pettegolezzi, vorrai dire. Tu che fatti puoi sapere?

Gg – Arricuordete ca i’ saccie assai cose e accanosche i cazz’i tutte quante!! E perciò so’ stato ’ncarrecato specialmente assaie.
SR – Secondo me hanno fatto un guaio… ma staremo a vedere.

Gg – È sule quistione ’i’nvidia, ’a toia. Mo’ sule l’amice tuoi russe-e-verde e l’amice d’u fascestielle-pezzecatu-stritt ponne parla’? ’I ggente c’a capa apposta, cumm’e mme, s’avéssena sta zitte? …E allora i’ parle! …e sbruvogne tutt’i fatte vuoste fetiente. Chest’è!
SR – Che è una minaccia?

Gg – Dice chelle che vuo’ tu, ma mo’ so’ cazze vuost’. Ie ve sbruvogne! È chiaro?

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.